IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Biblioteca comunale 8 marzo 1908 di Ozzano dell'Emilia
Piazza Allende 18
40064 Ozzano dell'Emilia (BOLOGNA)

tel: 051790130
fax: 0516521365

scrivi
scrivi
sito web

responsabile: Aurora Salomoni scrivi

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Inventari on line > Ozzano dell’Emilia > Struttura dell'inventario

Archivio della Congregazione di carità di Ozzano dell'Emilia 1888 - 1937
  visualizza XML
fondo
registri 20, fascicoli 15, volume 1, unità documentaria 1

Il fondo si compone della documentazione prodotta dalla Congregazione di carità di Ozzano dell'Emilia nello svolgimento delle proprie attività d'assistenza e beneficenza nel territorio comunale dal 1863, anno della sua istituzione (deliberazione del Consiglio comunale del 19 gennaio 1863, in base alla legge del 3 ago. 1862, n. 753), fino al 1937, anno della sua soppressione a seguito dell'istituzione dell'Ente comunale di assistenza (legge del 3 giu. 1937, n. 847).
espandi chiudi


Le attività principali svolte dalla Congregazione di Ozzano dell'Emilia erano la distribuzione di sussidi alimentari e in denaro ai poveri e l'organizzazione di colonie marine per fanciulli poveri e malati del territorio comunale. Non risulta che amministrasse direttamente nessuna opera pia o legato.
Nel territorio di Ozzano erano testimoniati i legati Ghini (istituito in data incerta, 1755 o 1862) e Bortolotti (istituito nel 1832), rispettivamente di elemosina ai poveri della parrocchia di S. Cristoforo e di elargizione dotali per zitelle della parrocchia di Prunaro. Tali legati erano stati sempre amministrati da quelle parrocchie, nonostante alcune proposte, mai approvate, di un loro concentramento nella Congregazione locale o in quella di Budrio. Altri legati, di cui non si hanno notizie specifiche, come il Cumulo Cospi, il Legato Scarani e il Patrimonio sacro Dondarini furono, invece, concentrati nella Congregazione di carità di Bologna.
Gli unici documenti relativi all'attività ottocentesca della Congregazione sono due repertori di atti del 1888-1891 e una memoria dei consiglieri in carica dal 1891 (conservata fra gli "Atti e corrispondenza" del 1905-1926).
La restante documentazione si riferisce al XX secolo, con continuità e completezza solo per gli anni 1927-1937, proprio a partire dal periodo in cui la Congregazione fu ricostituita, in base al R.D. del 30 dic. 1923, n. 2841, dotata di un nuovo statuto (scritto nel 1927-1929 e approvato dal Ministero dell'Interno nel 1930) e arricchita del fondo "Produttori grano di Ozzano" (lascito del 1927). La parte di documentazione più cospicua è quella contabile: bilanci preventivi, conti consuntivi con allegati e libri mastri.
Fra gli allegati ai conti consuntivi si ritrovano mandati, ricevute, delibere di approvazioni di spese, corrispondenza, prospetti di erogazione di sussidi, ecc..

criteri di ordinamento
Il condizionamento in buste della documentazione risale presumibilmente al riordino effettuato a cura di Enzo Andragheti negli anni antecedenti al trasferimento dell'archivio nel 2001. Il condizionamento in fascicoli, invece, sembra essere per la maggior parte originale. Si è scelto di rispettare questa sedimentazione.
L'unico intervento di riordino è stato effettuato sui conti consuntivi, e relativi allegati, degli anni 1927-1930, che sono stati ordinati in modo da ricostituire l'ordinamento che si presume originario e che si è riscontrato per la stessa documentazione degli altri anni.

storia archivistica
Quando nel 1937 la Congregazione di carità fu soppressa in seguito all'istituzione dell'Ente comunale di assistenza (ECA), nel quale confluirono funzioni, beni e patrimonio, anche il suo archivio fu acquisito dall'ECA. Nel 1978, in seguito alla soppressione dell'ECA e al trasferimento delle funzioni, beni e patrimonio al Comune, confluirono nell'archivio comunale entrambi gli archivi dell'ECA e della Congregazione di carità.
Entrambi gli archivi furono sottoposti a un intervento di riordino a cura di Enzo Andraghetti, avvenuto negli anni antecedenti al loro trasferimento insieme all'Archivio storico del Comune presso i locali della Biblioteca comunale di Ozzano dell'Emilia nel 2001, che produsse l'elenco di consistenza stampato nel 2002, unico strumento di corredo finora disponibile.

strumenti di ricerca
Enzo Andraghetti, "Inventario dell'archivio comunale 1804-1978" [Comune di Ozzano dell'Emilia], 2002, ds., pp. 51.


codice interno: 0159 - 001

informazioni redazionali
Inventario a cura di
Federica Cavina, 2013

realizzato per
Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna
[L.R. 18/2000. Piano bibliotecario 2007. Intervento diretto]

Intervento redazionale
IBC - Soprintendenza per i beni librari e documentari della Regione Emilia-Romagna, 2014