IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Istituto per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena
Via Cesare Albicini 25

47121 Forlì (FORLI'-CESENA)

tel: 054328999
fax: 054328999

scrivi
scrivi (PEC)
sito web

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Inventari on line > Forlì > Struttura dell'inventario

Associazione nazionale famiglie caduti e dispersi in guerra - Comitato provinciale di Forlì-Cesena 1926 - 2002
  visualizza XML
fondo
fascicolo 258, registri 118, buste 44, volumi 13, scatola 1

L'archivio è costituito dalla documentazione prodotta e raccolta dal Comitato provinciale di Forlì-Cesena dell'Associazione nazionale famiglie caduti e dispersi in guerra nell'espletamento delle proprie funzioni per il perseguimento dei fini di rappresentanza, protezione e tutela dei congiunti dei militari, militarizzati partigiani, caduti e dispersi in guerra.
espandi chiudi


L'Associazione forlivese delle famiglie caduti e dispersi in guerra nasce nel 1924, ma le sue carte d'archivio presentano importanti lacune. Risulta difatti in gran parte mancante la documentazione antecedente gli anni Quaranta, ad eccezione di alcune serie quali i bilanci preventivi e i conti consuntivi, i protocolli della corrispondenza ed il carteggio con le diverse sezioni del territorio provinciale. Il materiale documentario presenta una certa organicità a partire dagli anni Cinquanta e fino agli anni Novanta, particolarmente per alcune serie archivistiche, fra cui il carteggio amministrativo, sia classificato che organizzato per pratiche, i protocolli della corrispondenza, le circolari, i fascicoli dei soci e la parte contabile. Si conservano oltre ai verbali degli organi deliberativi, i Congressi provinciali e nazionali, lo schedario dei soci, i dati statistici relativi al funzionamento delle sezioni provinciali, atti legati a celebrazioni e onoranze diverse, le pratiche di rimpatrio delle salme dai territori stranieri e documentazione legata alla gestione delle istanze dei soci volte ad ottenere concessioni, quali pensioni di reversibilità, assistenza agli orfani, collocamento al lavoro ed elargizioni diverse. Si conserva infine documentazione prodotta durante la gestione dell'Ambulatorio medico assistenziale, nato in seno al Comitato provinciale nel 1957, con lo scopo di assistere a titolo gratuito i congiunti dei dispersi in guerra.

criteri di ordinamento
Ad inizio intervento le carte si presentavano prive di ordine e condizionate in fascicoli, buste, registri e scatole. Erano presenti anche molte carte sciolte. Il lavoro è consistito in una preliminare schedatura sommaria che ha permesso il riconoscimento delle serie archivistiche riflettenti la struttura organizzativa e amministrativa del Comitato e le unità ad esse afferenti.
La documentazione è stata riordinata ricostruendo le principali serie - deliberative, amministrative, contabili, oltre al carteggio dell'ente - che si sono formate e sedimentate con l'attività del Comitato. A queste si aggiungono le schede ed i fascicoli dei soci, oltre alle serie relative alle attività celebrative, congressuali e assistenziali svolte in base ai principi fondativi dell'Associazione.
La corrispondenza del Comitato è organizzata in parte secondo l'adozione di un titolario specifico, di cui non si sono rintracciati collegamenti con altri comitati su territorio nazionale. Sono classificati i fascicoli ma spesso non le carte conservate all'interno degli stessi. E' presente inoltre carteggio per pratiche dal 1941.

storia archivistica
L'archivio del Comitato provinciale di Forlì dell'Associazione nazionale famiglie caduti e dispersi in guerra è attualmente conservato presso l'Istituto per la Storia della Resistenza e dell'Età Contemporanea della Provincia di Forlì-Cesena, secondo quanto stabilito dalla convenzione di deposito sottoscritta in data 20 novembre 2015 fra le parti.
Fin dalla sua costituzione il Comitato provinciale di Forlì ha condiviso la sede con la Sezione di Forlì, fatto che ha determinato in parte il confondersi delle carte appartenenti ai due archivi.
Al momento del trasferimento dell'archivio presso l'Istituto per la Storia della Resistenza e dell'Età Contemporanea della Provincia di Forlì-Cesena, in Casa Saffi via Cesare Albicini 25, avvenuto nel 2015, la documentazione archivistica si trovava in uno stato di totale disordine ed in parte frammista alla documentazione afferente la Sezione di Forlì dell'Associazione. L'archivio era privo di strumenti di corredo. Il presente riordino ha evidenziato vaste lacune documentarie dovute presumibilmente a dispersioni accidentali collegate anche ai numerosi spostamenti di sede che hanno interessato l'Associazione, oltre a probabili incauti interventi di scarto documentario.

modalità di acquisizione
Convenzione di deposito sottoscritta in data 20 novembre 2015 fra l'Associazione nazionale famiglie caduti e dispersi in guerra e l'Istituto per la Storia della Resistenza e dell'Età Contemporanea della Provincia di Forlì-Cesena


codice interno: 277 - 001

informazioni redazionali
Inventario a cura di
Elisa Masioli e Fabrizio Monti, 2019

realizzato per
Istituto per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena

Intervento redazionale a cura di
Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2019