IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Centro italiano di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale
Via Mentana 2

40126 Bologna (BOLOGNA)

tel: 051231313
fax: 0516561934

scrivi
sito web

responsabile: Elena Romagnoli scrivi

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Inventari on line > Bologna > Struttura dell'inventario

Archivio della Graficoop 1873 - 1986
  visualizza XML
vai al soggetto produttore: Graficoop

fondo
fascicoli 42, registri 124, busta 1, quaderno 1, rubriche 2, fotografie 450, negativi fotografici 331, diapositive 19

L'archivio è il risultato della sedimentazione dei fondi conservati dalle cooperative e dalle società coinvolte nell'attività della Graficoop, esistita tra gli anni 1945-1986 e denominata fino al 1973 'Società tipografica editrice bolognese (STEB)', poi fino al 1977 "Graficoop, Azzoguidi, STEB unificate, Società tipografica editoriale".
espandi chiudi


Quando la cooperativa Azzoguidi, costituita nel 1880, fu incorporata nel 1973 mantenne integro il proprio archivio consegnato alla STEB. Da quelle stesse carte si può dedurre che, ancora prima del 1880, fosse già in attività una società tipografica, mentre una tesi di laurea1 ci testimonia che l'archivio della cooperativa Azzoguidi fosse ancora più ricco di quanto lo è ora.
Le due società (Europea editrice, Rappresentanze grafiche) e la cooperativa Nuove edizioni cooperative, di cui si conservano le carte, nate negli anni '60, sono sorte per volontà della STEB per assolvere ad esigenze commerciali. Purtroppo per due di esse non rimangono che pochi documenti.
Il resto del materiale appartiene alla STEB, nata a Bologna nei giorni della liberazione nell'aprile del 1945, grazie alla necessità degli Alleati di disporre a Bologna di uno stabilimento per avviare un organo di stampa e grazie anche alla tenacia degli operai che stampavano il Resto del Carlino e alla loro volontà di riavviare subito l'attività.
Si conserva anche un archivio fotografico.

note
1 Università degli studi di Milano, Facoltà di Lettere e Filosofia, Corso di laurea in Storia economica, La Società tipografica Azzoguidi di Bologna, dall'associazione di mutuo soccorso alla cooperativa anonima, tesi di laurea di Lando Senesi, a.a. 1976-1977. Una copia della tesi è conservata presso il Centro italiano di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale.

criteri di ordinamento
L'attività di ordinamento è consistita prevalentemente nell'organizzare la documentazione cronologicamente e sulla base delle diverse tipologie documentarie.
Le cooperative sono state descritte utilizzando serie predefinite, corrispondenti ai libri sociali ed ai documenti costitutivi, nonché alle principali attività che caratterizzano le aziende: la gestione economica e del personale.
Si ha pertanto il seguente schema:
-statuto ed atti costitutivi;
-verbali del Consiglio d'amministrazione;
-verbali delle Assemblee dei soci;
-verbali del Collegio sindacale;
-libri soci;
-inventari;
-contabilità;
-personale.
Lo schema è stato integrato nel caso in cui vi fossero nuclei documentali relativi alla gestione di immobili, attività sociali, documentazione corposa di epoca fascista od ogni altra particolarità rilevabile nella storia della singola cooperativa.

storia archivistica
L'archivio raccoglie la documentazione della Cooperativa Graficoop conservata al momento della cessazione delle attività, avvenuta ufficialmente in data 22 aprile 1986. Oltre all'elenco di acquisizione, redatto a cura del Centro italiano di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale, non si hanno elementi utili per risalire alla causa delle pur contenute dispersioni.

modalità di acquisizione
La documentazione è stata versata al Centro italiano di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale in 3 tempi. Nel 1990 il Presidente di Graficoop Orio Frisoni e il Vicepresidente Danilo Panieri, in seguito allo scioglimento della cooperativa avvenuto in data 22 aprile 1986, si occuparono del primo trasferimento, consegnando 390 stampe fotografiche. Nel 1995 fu il liquidatore della cooperativa, dott. Specchio, a depositare l'archivio, costituito dai fondi delle cooperative: Società tipografica editoriale bolognese - STEB (poi Graficoop), Azzoguidi e delle società: Europea editrice, Rappresentanze grafiche, Nuove edizioni cooperative - NEC. L'ultima acquisizione, avvenuta il 26 giugno del 2007, ad opera dell'ex Direttore amministrativo sig. Motta, riguardò 2 libri sociali della Cooperativa Azzoguidi. Queste informazioni ed un elenco dettagliato di tutto il materiale consegnato sono dedotte dall'elenco redatto da Anna Gurioli ed Elena Romagnoli del Centro italiano di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale con titolo: "Inventario Società tipografica Graficoop - Azzoguidi" (allegato 24) .

bibliografia
Centro di documentazione sulla storia del movimento cooperativo bologneseRepertorio delle cooperative di Bologna e provincia : (1883-1987) : alfabetico, cronologico, topografico, tipologico : elenco dei primi presidenti, a cura di Anna Gurioli, Elena Romagnoli, Bologna, Federcoop Bologna. Federazione provinciale delle cooperative e mutue di Bologna, 1987
https://www.cooperazione.net/repertorio
https://sol.unibo.it/SebinaOpac/resource/repertorio-delle-cooperative-di-bologna-e-provincia-18831987-alfabetico-cronologico-topografico-tipo/UBO0387033 (consultato il  18/05/2020)
Elena Romagnoli, Vera ZamagniChi raccoglie, semina. Nascita e sviluppo del Centro Italiano di Documentazione sulla Cooperazione e l'Economia Sociale, Bologna, Clueb, 2019
https://sol.unibo.it/SebinaOpac/resource/chi-raccoglie-semina-nascita-e-sviluppo-del-centro-italiano-di-documentazione-sulla-cooperazione-e-l/UBO5606512 (consultato il  18/05/2020)


codice interno: 657 - 001

informazioni redazionali
Inventario a cura di
Gianni Borgognoni e Renata Disarò (Open Group), 2019

realizzato per 
Centro italiano di documentazione sulla cooperazione e l'economia sociale, Bologna

Intervento redazionale a cura di
Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2020