IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Archivio storico comunale di Carpi
Piazzale Re Astolfo 1
41012 Carpi (MODENA)

tel: 059649959
059649960
fax: 059649976

scrivi
sito web (Sezione dedicata all'interno del sito del Palazzo dei Pio)
sito web (SIA.MO Sistema Informativo Archivistico Modenese)

responsabile: Giovanni Gnoli scrivi

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Inventari on line > Carpi > Struttura dell'inventario

Archivio della Podesteria di Carpi 1772 - 1814
  visualizza XML
fondo
buste 15, registri 2

- Comunità 1772-1795, 1 busta;
espandi chiudi


- Chiese, opere pie 1780-1794, 1 busta;
- "Copialettere del sottoeconomo Giulio Cesare Ferrari", 1786 - 1800, 1 registro (Direzione);
- Alloggi, municipalità e carte relative a sanità e argomenti vari, 1796-1803, 1 busta;
- Governo repubblicano 1796-1797, 1 busta contenente avvisi a stampa;
- Municipalità 1804, 1 busta;
- Amministrazione dipartimentale 1804-1805, 2 buste;
- Podesteria di Carpi 1808-1814, 8 buste;
- Registro di atti esibiti al Podestà dal 27 dicembre 1807 al 27 aprile 1808, 1 registro.

informazioni sul contesto di produzione
In seguito al riordinamento amministrativo dello stato e all'emanazione del codice estense (1771) si procedette alla riorganizzazione degli uffici periferici del governo estense. Venne quindi ridefinita la figura del podestà o luogotenente di governo, di nomina ducale, nello stato immediato.

storia archivistica
Nell'inventario del 1963 la documentazione relativa alla Podesteria di Carpi, risulta archiviata sotto la denominazione di "Archivio dell'avvocato Giulio Cesare Ferrari", sotto economo ducale, provvisore e podestà di Carpi (1).

(1) Giulio Cesare Ferrari (Carpi 1749-1817), di nobile famiglia, fu distinto letterato e poeta. Svolse attività di magistrato e di notaio, ricoprendo in periodo estense e per tutto il periodo napoleonico diverse cariche pubbliche. Il 15 agosto 1808 fu nominato podestà di Carpi, carica che mantenne fino al 1814. Giuseppe Saltini, nella sua "Cronaca di Carpi", nel dare notizia della sua morte, avvenuta il 12 giugno 1817, ne ricorda le capacità politiche e umane sottolineando come "nei tempi più critici, e calamitosi che trovavasi la città egli colla sua prudenza sempre seppe calmare il livore degli incolleriti".


codice interno: 0750 - 001

informazioni redazionali
La descrizione è stata effettuata da Jessica Pagani con il coordinamento di Federica Collorafi (CSR / Voli Group). Le ricerche storiche, i profili storico istituzionali e la storia archivistica sono di Lucia Armentano (Archivio storico comunale di Carpi), 2013

realizzato per
Comune di Carpi, con il contributo finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi

Intervento redazionale a cura di
IBC - Soprintendenza per i beni librari e documentari della Regione Emilia-Romagna, 2013