IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Azienda di Servizi alla Persona Patronato pei figli del popolo e Fondazione San Paolo e San Geminiano di Modena
Corso Canalgrande 103
41121 Modena (MODENA)

tel: 059222363
fax: 0594392343

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Inventari on line > comune di Modena > Struttura dell'inventario

Archivio del Patronato pei figli del popolo (Modena) 1 gennaio 1873 - 10 gennaio 2008
  visualizza XML
con antecedenti dal 1660
vai al soggetto produttore: Patronato pei figli del popolo (Modena)

fondo
registri 431, fascicoli 329, fotografie 1 album, buste 50, quaderni 9, mazzi 20

La documentazione consta di una grande quantità di registri compilati al fine di evidenziare una chiara e sintetica descrizione delle attività svolte. Si tratta di: verbali del Consiglio, bilanci, mastri e libri giornali, registri delle spese e delle paghette alunni, registri di carico e scarico della biancheria, del vestiario. Tra il 1873  e il 1912 anche i verbali del Consiglio erano sottoposti al visto della Prefettura. Tra la documentazione si possono annoverare il carteggio, la documentazione relativa al personale, agli ospiti e le buste che conservano le carte relative alle attività ricreative e di autofinanziamento (tombola, ballo, sport).
espandi chiudi



criteri di ordinamento
La documentazione presentava, già al primo sopralluogo, una "sicura" organizzazione delle carte e questo ha permesso che i numerosi materiali "sparsi" si potessero riorganizzare con una certa sicurezza. I fascicoli esistenti, conservati nella loro forma originaria, hanno consentito di individuare il metodo di archiviazione seguito dall'Ente, prevalentemente cronologico e per argomento, e hanno consentito di  organizzare i materiali disordinati. Molte buste sono state sostituite perché inutilizzabili e in questo caso è stata riprodotta la dicitura originale. Più complessa la situazione dei registri che non sempre esplicitavano la serie di riferimento o venivano indicati con diciture diverse a seconda dei periodi storici pur indicando una stessa competenza dell'Ente.

storia archivistica
L'archivio ha subito numerosi spostamenti dovuti alle frequenti riorganizzazioni dell'Istituto (la semplice necessità di aumentare il numero delle aule per i ragazzi o al contrario la riduzione del numero degli ospiti con conseguente aumento della superficie concessa in affitto al Comune), delle quali non sempre è rimasta traccia. Un serio problema si è verificato negli anni 2002-2003, in occasione di un importante intervento di restauro del palazzo, con spostamento della sede dell'Istituto dal 2° al 3° piano dello stabile Santa Margherita. In quella circostanza la necessità di spostare i documenti da una stanza ad un'altra per il rifacimento di pavimenti e la tinteggiatura delle pareti, ha fatto sì che alcune buste, già in cattivo stato di conservazione, si siano rotte con la conseguente la perdita della configurazione originale di numerosi fascicoli. Prima del presente intervento, l'archivio non è mai stato oggetto di riordino o inventariazione e non esistono strumenti di corredo.

condizioni che regolano l'accesso
Numerose serie non possono essere liberamente consultate poichè si tratta di fascicoli nominativi contenenti dati che vanno sottratti alla consultazione. Per lo più, la documentazione che va sotto il nome di "Atti" o "Corrispondenza" è in buono stato e a disposizione degli studiosi, previa verifica dell'archivista e/o del responsabile dell'archivio.


codice interno: 131 - 001

informazioni redazionali
Intervento a cura di
Franca Baldelli, 2012

Revisione a cura di
Laura Cristina Niero, 2012

realizzati per
Progetto ArchiviaMo

Intervento redazionale
IBC - Soprintendenza per i beni librari e documentari della Regione Emilia-Romagna, 2012