IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Comune di Bentivoglio
Piazza della Pace 1

40010 Bentivoglio (BOLOGNA)

tel: 0516643511
0516643502
fax: 0516640908

scrivi
sito web

responsabile: Fabrizio Simoncini scrivi

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Inventari on line > Bentivoglio > Struttura dell'inventario

Archivio storico del Comune di Bentivoglio 1756; 1804-1974
  visualizza XML
con documentazione fino al 1978
vai al soggetto produttore: Comune di Bentivoglio

fondo
fascicoli 2653, registri 991, buste 97, mazzi 19, cartella 1, bollettari 4, volumi 2

L'archivio storico della Comune di Bentivoglio raccoglie la documentazione prodotta dall'ente nell'espletamento delle sue funzioni e competenze a livello territoriale dal 1804 al 1974
espandi chiudi



criteri di ordinamento
Nelle operazioni di inventariazione, l'unità di descrizione corrisponde di norma all'unità archivistica sia essa fascicolo, registro o volume.
La documentazione afferente alle serie dei registri contabili o ad altre tipologie documentarie seriali e ripetitive è stata descritta unicamente a livello di serie.
Le serie sono proposte in ordine logico mentre le unità afferenti, se non diversamente indicato, sono elencate inordine cronologico

storia archivistica
La vicende relative all'archivio del Comune di Bentivoglio sono state ricostruite attraverso le informazioni raccolte nel Carteggio amministrativo del Comune e dal fascicolo relativo al Comune di Bentivoglio conservato presso la Soprintendenza archivistica e bibliografica dell'Emilia Romagna.
L'archivio è stato oggetto di svariati interventi di scarto nel corso del XX secolo e subì una parziale distruzione durante il secondo conflitto mondiale: il 2 agosto del 1944 esplose una bomba posta dai partigiani nel palazzo del Comune, in quel momento occupato dalle truppe tedesche.
Sicuramente sappiamo che in precedenza, nel 1931, venne effettuato uno scarto significativo sulla documentazione costituente l'archivio. Venne approvato infatti uno scarto per un totale di 1140 kg con documentazione datata tra il 1860 ed il 1926 estratta da tutte le categorie del titolario in uso allora, secondo le indicazioni fornite dal Regolamento n. 1163 approvato con R.D. 2 ottobre 1911. L'elenco di scarto reperito è molto dettagliato e scorrendolo apprendiamo infatti che vennero scartati, ad esempio, materiale preparatorio e carteggio transitorio relativo alla compilazione delle liste elettorali; liste elettorali; elenchi dei poveri, domande varie di sussidio, ricette mediche, certificati di vaccinazione; atti relativi alla cura del bestiame; distinte di pagamento, copie dei ruoli delle tasse; carteggio transitorio del Giudice conciliatore con gli uffici superiori; registri scolastici e compiti d'esame; listini dei prezzi delle merci; ruoli degli utenti pesi e misure; schede dell'anangrafe e materiale relativo al censimento della popolazione (1).
Con comunicazione del 4 aprile 1952 il sindaco informava la Soprintendenza archivistica che "l'Archivio di questo Comune è andato semi distrutto per eventi bellici e non risulta ci siano atti aventi carattere storico-politico anteriore al 1870". Successivamente queste informazioni troveranno smentita in seguito a sommari censimenti sulla documentazione costituente l'archivio effettuati nel 1957. Si apprende infatti che fu rinvenuto materiale antecedente al 1870, in particolare un cartone di documentazione tra il 1804 ed il 1813, un cartone con materiale del 1814, un cartone con documentazione tra il 1831 ed il 1835 ed infine 100 cartoni con materiale tra il 1839 ed il 1870.
Dal verbale redatto in seguito ad una ispezione da parte della Soprintendenza nel 1958, veniamo a conoscenza che l'archivio era costituito da 309 buste ordinate secondo i titolari con documentazione datata 1871-1955, da 42 registri di protocollo datati 1873-1956, da 8 pacchi di delibere del Consiglio datate 1876-1927 e dalle "serie complete" di bilanci di previsione, conti consuntivi, libri mastri e mandati di pagamento.
Il 29 dicembre 1960 il Comune di Bentivoglio fu denunciato al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Bologna per "scarto abnorme di atti d'archivio": infatti con delibera del Consiglio comunale n. 120, datata 19 novembre 1956 (2), venne approvato uno scarto su atti d'archivio -per il quale effettivamente non venne interpellata la Soprintendenza- e la documentazione venne consegnata alla Croce rossa italiana senza avere ottenuto il nulla osta previsto. Dal carteggio intercorso tra il Comune e la Soprintendenza in quell'occasione apprendiamo che nel 1944, come già ricordato, il palazzo comunale era stato minato e nel conseguente incendio andarono distrutti molti registri dello Stato civile, la raccolta delle leggi e altro materiale non identificato. Per quel che riguarda invece lo scarto effettuato nel 1956 apprendiamo dalla deliberazione che furono consegnati alla Croce rossa Italiana un totale di kg 520 di materiale archivistico descritto come segue: "registri, bollette d'accompagnamento e incarti vari di nessuna importanza dell'Ufficio Imposte e consumi, relativi agli anni dal 1939 al 1944; bollettari restituiti dall'Esattore per gli anni 1938-1942; materiale riguardante le denunce del bestiame dal 1940 al 1942; carteggio vario composto di schede, schedari e corrispondenza di nessuna importanza dell'ex servizio dell'annonaria; carteggio confuso e vario lasciato dall'ex Ufficio U.C.S.E.A. a tutto il 1949; vecchi elenchi e pratiche attinenti le mondariso; sussidi militari e posizioni relative anni 1935-1936; carteggio di nessuna importanza, dato lo stato in cui si trova dopo la distruzione della Sede Municipale archivio compreso, dei profughi di guerra; posizioni per assistenze varie dal 1942 al 1945; corrispondenza e statistiche relative all'Ufficio sanitario dal 1896 al 1942 esclusi i registri e gli incarti importanti su proposta dell'Ufficiale Sanitario; carteggi vari di nessuna importanza amministrativa, statistica e contabile ridotti in malo modo in seguito al crollo più volte citato della sede municipale avvenuto per azione bellica nell'agosto 1944". Sicuramente questo scarto rappresenta una perdita significativa di documentazione, soprattutto relativamente agli anni cruciali e storicamente significativi del secondo conflitto mondiale. La più volte attribuita "scarsa importanza" al materiale destinato allo scarto potrebbe sembrare apparentemente non discutibile dal punto di vista amministrativo, ma non risulta altrettanto valida in un'ottica di preservazione della memoria storica della Comunità.
Nel 1961 l'archivio del Comune fu oggetto di un intervento di riordinamento ad opera di Renato Grandi, già archivista capo della Prefettura di Bologna, che si concluse con la redazione di un inventario del "materiale da conservare" (3).
Nel 1967, in occasione del censimento affettuato sugli archivi storici dell'Emilia Romagna (4), venne ispezionato l'archivio storico del Comune di Bentivoglio che viene così descritto da Giuseppe Rabotti:
"COMUNE DI BENTIVOGLIO
Archivio Storico Comunale (Sede Municipale)

Verbali delle sedute del Consiglio e della Giunta, 1839-1900, bb. 14
Stampe (bandi, regolamenti, ecc.), 1810-1870, bb. 11
Bando generale della Legazione di Bologna e suo contado fatto pubblicare li 12 ottobre 1756 dal card.Fabrizio Serbelloni Legato a latere di detta città, Bologna, Sassi, [1756] (a stampa), 1756, fasc. 1
Regolamento legislativo e giudiziario per gli affari civili emanato dalla Santità di N.S. Gregorio papa XVI con moto proprio del 10 novembre 1834, Roma, Tip. Camerale, [1834] (a stampa), 1834, vol. 1
Protocollo delle leggi e decreti emanati dal Governo, 1866-1874, reg. 1
Contratti 1839-1897, bb. 3
Carteggio amministrativo ordinato a serie aperte secondo il seguente titolario:
Amministrazione e impiegati, 1809-1870, bb. 3
Annona, 1809-1870, bb. 4
Beneficienza, 1810-1870, bb. 4
Censo e tasse, 1804-1870, bb. 11
Contabilità, 1809-1870, bb. 10
Elezioni, 1848-1870, bb. 2
Giustizia, 1809-1870, bb. 2
Istruzione, 1810-1870, bb. 4
Legislazione, 1839-1870, bb. 8
Militari, 1804-1870, bb. 8
Miscellanea (Posta; vertenza territoriale), 1804-1866, b. 1
Oggetti diversi, 1839-1870, bb. 4
Polizia, 1804-1870, bb. 7
Risaie e agricoltura, 1804-1870, bb. 2
Sanità, 1806-1861, bb. 2
Strade e lavori pubblici, 1810-1870, bb. 5
Strade civili (e ruoli di popolazione), 1804-1870, bb. 2
Carteggio amministrativo ordinato cronologicamente, 1871-1900, bb. 30
Protocolli del carteggio, 1839-1876; 1898-1900, bb. 30
Bilanci preventivi, 1833-1900, bb. 5
Conti consuntivi, 1873-1900, bb. 4
Mastri, 1866-1902, bb. 3
Stato civile del Regno (Nati, Morti, Matrimoni), 1866-1900, regg. 105
Popolazione, 1865, regg. 4
Liste di leva, 1830-1900, regg. 6
Elenchi di strade, 1805-1929, b. 1

Archivi Aggregati
Giudice Conciliatore:
Atti, 1871-1896, b. 1

L'archivio che ha subito perdite in seguito agli eventi bellici del 1944, è corredato di un inventario del 1961, in alcune parti lacunoso.
Nella serie del Carteggio amministrativo mancano gli atti dal 1817 al 1828, quando il Comune, con la vecchia denominazione di S. Maria in Duno, era appodiato di S. Giorgio di Piano, mentre scarsa è la documentazione degli anni 1804-1816 e 1828-1838; essa è invece completa a partire dal 1839, quando fu introdotto un titolario, suddiviso in XXIX titoli, del quale è stato tenuto conto solo parzialmente nel riordinamento del 1961.
Il Comune ha mutato la precedente denominazione di S. Maria in Duno" in quella di "Bentivoglio" in virtù del R.D. 10 dicembre 1885 n. 3062.
(g. r.; giugno 1967)" (5).

Successivamente l'archivio fu oggetto di un ulteriore intervento di riordinamento e inventariazione a cura di Enzo Andraghetti, che ottenne l'autorizzazione a procedere da parte della Soprintendenza il 7 marzo 1979. L'inventario consegnato nel maggio del 1983 è l'ultimo strumento prodotto per l'archivio storico fino ad oggi.


NOTE
(1) ASC Bentivoglio, Carteggio amministrativo. Cat. 1 Amministrazione, 1933, fasc. 1
(2) ASC Bentivoglio, Deliberazioni del Consiglio comunale, 1956-1957, reg. 1
(3) ASC Bentivoglio, Deliberazioni del Consiglio comunale, 1958-1961, reg. 1. Deliberazione n. 93 del 7 ottobre 1961, lettera d'incarico; deliberazione n. 127 del 29 dicembre 1961, approvazione inventario con elenco "inventario" allegato
(4) ASC Bentivoglio, Carteggio amministrativo. Cat. 1 Amministrazione, cl. 2 Archivio, 1967, fasc. 1
(5) Archivi storici in Emilia-Romagna. Guida generale degli Archivi storici comunali, [promossa dalla] Soprintendenza Archivistica per l'Emilia Romagna, a cura di Giuseppe Rabotti con presentazione di Renato Grispo, Bologna, Edizioni Analisi, 1991

strumenti di ricerca
- Renato Grandi, "Inventario atti d'archivio", Comune di Bentivoglio, 1961. Elenco di consistenza [Dattiloscritto, cc. 3]
- Enzo Andraghetti, "Inventario dell'archivio comunale (1804-1960)", Comune di Bentivoglio, 1983. Elenco di consistenza [Dattiloscritto, cc. 37]
- Luca Zen (Le pagine), "Archivio del Comune di Bentivoglio. Servizi di Ragioneria (1833-2010). Elenco di consistenza", 2011


codice interno: 926 - 001

informazioni redazionali
Inventario a cura di 
Anna Casotto, Davide Chieregatti, Luca Zen (Le pagine), 2019

realizzato per 
Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna
[L.R. 18/2000. Piano bibliotecario 2010. Intervento diretto]

Intervento redazionale a cura di
Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2019