IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Comune di Maranello
Piazza Libertà 33
41053 Maranello (MODENA)

tel: 0536240011
(Centralino)
0536240028
(Biblioteca Mabic)
fax: 0536942263

scrivi
sito web (Sito istituzionale Comune di Maranello - Mabic)

responsabile: Monica Medici scrivi

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Inventari on line > Maranello > Struttura dell'inventario

Carte dell'Asilo infantile Maria Borghi di San Venanzio (Maranello) 1911 - 2000
  visualizza XML
fondo
fascicoli 52, registri 6, quaderni 2

Il fondo archivistico dell'Asilo infantile Maria Borghi comprende la documentazione relativa sia all'amministrazione del patrimonio oggetto del lascito della benefattrice Maria Borghi (originaria di San Venanzio, frazione del Comune di Maranello), sia all'istituzione dell'asilo voluto dalla medesima ed alla costruzione dell'edificio destinato ad ospitare i bambini, sia alla gestione dell'ente da parte della Congregazione di carità e successivamente dell'Ente comunale di assistenza (ECA), sia alla sua trasformazione in ente morale (1960). Sono pertanto presenti le carte relative alla stesura del primo statuto e successive modificazioni, ai lasciti a favore dell'opera pia, alle deliberazioni del consiglio di amministrazione, e quelle inerenti la sua gestione economico-finanziaria. La documentazione più consistente è formata dal carteggio generale che copre un arco cronologico che va dal 1923 al 1998 e conserva fascicoli riguardanti la nascita dell'asilo, la sua gestione, l'attività didattica che vi si svolgeva, l'assistenza ai bambini, i sussidi ricevuti da enti diversi; ed ancora, i rapporti con l'amministrazione comunale; le nomine dei Consigli di amministrazione succedutisi nel corso degli anni; l'iter per la trasformazione dell'asilo in ente morale; le competenze assunte dalla Regione in materia di enti assistenziali, a partire dalla metà degli anni Settanta del secolo scorso.
espandi chiudi



criteri di ordinamento
La documentazione è giunta nell'archivio storico comunale di Maranello all'interno di uno scatolone: oltre a qualche fascicolo sciolto, erano presenti alcune buste in cattivo stato, che pertanto sono state successivamente sostituite al fine di garantire la buona conservazione delle carte. Durante il riordino del fondo, la preliminare analisi e schedatura dei fascicoli ha favorito lo studio della storia dell'ente attraverso le carte sopravvissute alla dispersione e nel contempo ha permesso di individuare le serie archivistiche secondo cui era stata articolata la gestione delle diverse funzioni dell'istituto. I materiali, proveniente per lo più dalla parrocchia di San Venanzio (frazione del Comune di Maranello), sono stati integrati da quelli rinvenuti nell'archivio comunale fra le carte della Congregazione di carità e dell'Ente comunale di assistenza: tali inserimenti sono segnalati con una nota nel campo "Storia archivistica" della scheda dell'unità archivistica interessata. Le singole unità archivistiche pertinenti a ciascuna serie (fascicolo, registro), sono state ordinate e descritte in sequenza cronologica. La segnatura attuale considera il contenuto della busta nel suo complesso, poichè nella medesima unità di conservazione sono presenti unità afferenti a più serie. La descrizione di tutti i livelli inventariali (fondo, serie e unità archivistica) si è attenuta al rispetto delle norme previste dagli standards internazionali di descrizione archivistica ISAD(G) e ISAAR (CPF).
Tutta la documentazione è conservata all'interno di 5 buste.

storia archivistica
Prima del suo trasferimento presso l'archivio storico comunale di Maranello, il fondo si trovava presso la parrocchia di San Venanzio (frazione del Comune di Maranello) poiché fin dalla nascita dell'ente, per volontà della benefattrice, il parroco pro tempore era di diritto membro del Consiglio e suo Presidente, funzioni sempre riconosciute dalla Congregazione di carità e dall'Ente comunale di assistenza locali che si fecero interpreti del dettato testamentario fino all'erezione dell'asilo in ente morale (1960), e riconfermate in quell'occasione dal nuovo statuto organico. Inoltre dalle carte si ricava che al parroco di San Venanzio era stata demandata, fino al 1959, non solo la direzione dell'asilo, ma anche l'amministrazione dei suoi beni. Tutto questo rende ragione del fatto che l'archivio si trovasse conservato presso la parrocchia.

L'esigua consistenza del fondo induce a pensare che ci si trovi di fronte ad un archivio incompleto parte dei cui materiali sono andati perduti, anche se alcuni fascicoli pertinenti a questo ente sono stati rinvenuti fra le carte della Congregazione di carità e dell'Ente comunale di assistenza di Maranello, nel corso dei rispettivi interventi di riordino ed inventariazione: il loro inserimento nelle spettanti serie archivistiche ha permesso di colmare alcune lacune, in particolare quelle riscontrate negli Atti amministrativi.

modalità di acquisizione
L'ex Ipab Maria Borghi di San Venanzio di Maranello, poco prima di perdere la sua natura giuridica (2010), ha consegnato, a mezzo del sig. Speranza Cesare, il proprio fondo archivistico al Servizio Segreteria Generale del Comune di Maranello. L'amministrazione comunale ha accolto in deposito le carte dell'Asilo M. Borghi (Delibera 2015) collocandole nel proprio archivio storico, impegnandosi a conservarle correttamente e ad inventariarle al fine di renderle disponibili alla consultazione ed alla ricerca storica.


codice interno: 1010 - 001

informazioni redazionali
Inventario a cura di
Laura Cristina Niero (COSMOS), 2016

realizzato per
Progetto ArchiviaMo

Intervento redazionale a cura di
Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Servizio biblioteche archivi musei e beni culturali, 2017