IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Comune di Novafeltria
Piazza Vittorio Emanuele 2

47863 Novafeltria (RIMINI)

tel: 0541845604
(Responsabile Affari generali, Cultura e turismo)
0541922256
(Biblioteca comunale)
fax: 0541845601

scrivi (Responsabile Affari generali, Cultura e turismo)
scrivi (Biblioteca comunale)
sito web

responsabile: Rolando Rossi scrivi

Affidamento funzioni di fruizione a Biblioteca comunale
Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > BIM - Imola > Novafeltria > Struttura dell'inventario

Carte del Fascio di combattimento di Novafeltria 1942
  visualizza XML
fondo
fascicolo 1

Del fondo del Fascio di combattimento di Novafeltria si conservata la sola documentazione prodotta nel 1942
espandi chiudi



informazioni sul contesto di produzione
Il 23 marzo 1919, nella sala riunioni Circolo dell'alleanza industriale a Milano, furono ufficialmente fondati i Fasci italiani di combattimento. Alle elezioni politiche del maggio 1921 esponenti fascisti si candidarono nelle liste dei Blocchi Nazionali, eleggendo 35 deputati, tra cui lo stesso Mussolini.
Nel novembre 1921 al terzo congresso di Roma, fu deciso lo scioglimento del movimento che contava già 312.000 iscritti, e fu creato il Partito Nazionale Fascista, la denominazione Fasci di combattimento rimase ad indicare le strutture territoriali locali.
Con disposizione del Ministero dell'Interno riportata nella circolare n. 3001 del 23 ottobre 1943 della Prefettura di Pesaro-Urbino veniva disposto il trasferimento al Partito fascista repubblicano dell'assistenza generica fino ad ora in capo agli Enti comunali di assistenza. Tale assistenza comprendeva i contributi integrativi erogati annualmente delle Prefetture e diretta ai poveri dei comuni, agli sfollati, alle famiglie degli ex combattenti ed agli asili infantili. Il passaggio di competenze doveva avvenire in data 1 novembre 1943

storia archivistica
Non avendo notizie precise della storia archivistica di questo archivio, possiamo presumere che abbia seguito nel tempo le vicende dell'Archivio del Comune di Novafeltria.
In particolare la documentazione è stata ritrovata nel corso della descrizione della serie Carteggio amministrativo di quel complesso ed è stata estratta nel momento in cui si è compreso che, durante l'intervento effettuato tra il 1965 e i primi anni Ottanta dal personale prefettizio di Pesaro Urbino sull'intero patrimonio documentario, ogni nucleo era stato ricondotto arbitrariamente e a posteriori ad una delle 15 categorie indicate dalla circolare Astengo.


codice interno: 1328 - 001

informazioni redazionali
Inventario a cura di
Davide Chieregatti, Patrizia Luciani (Le pagine), 2019

realizzato per
Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna
[L.R. 18/2000. Piano bibliotecario 2011. Intervento diretto].

Intervento redazionale a cura di
Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2020