IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Centro di documentazione, ricerca e iniziativa delle donne della città di Bologna
Via del Piombo 5
40125 Bologna (BOLOGNA)

tel: 0514299411
(Centralino)
0514299415
(Referente per la consultazione dei fondi archivistici)
fax: 0514299400

scrivi (Referente per la consultazione dei fondi archivistici)
sito web

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > La didattica in archivio > > Struttura dell'inventario

  Registrazioni sonore [1983 - 2005]
  visualizza XML
collezione, raccolta
 643 registrazioni
sei in: Archivio dell'Associazione Orlando e del Centro di documentazione, ricerca e iniziativa delle donne 1971 - 2006

Il fondo è composto da 643 registrazioni conservate su supporto magnetico, relative alle attività dell'Associazione Orlando e del Centro di documentazione delle donne di Bologna dalle origini al 2005.
espandi chiudi



Si tratta di testimonianze orali che permettono una ricostruzione della storia e dell'evoluzione della cultura femminile e degli studi di genere di ambito non soltanto locale, ma anche nazionale e internazionale a partire dalla fine degli anni Settanta, attraverso registrazioni di:
- conferenze, convegni, seminari, lezioni;
- interviste;
- riunioni;
- trasmissioni radiofoniche;
- canti popolari.

storia archivistica
"Il fondo è composto dalla documentazione sonora sedimentatasi sin dalla fine degli anni Settanta (ancor prima della formale costituzione del Centro di documentazione delle donne di Bologna e dell'Associazione Orlando), a testimonianza della nascita e dell'evoluzione di tale realtà femminile bolognese. In trent'anni di attività l'Associazione Orlando e il Centro di documentazione delle donne hanno promosso numerosi progetti, ricerche e iniziative, la cui documentazione sonora è stata raccolta e custodita nel tempo, senza tuttavia un preciso intento di conservazione e valorizzazione di tale tipologia documentaria, a differenza di quanto invece è avvenuto per la documentazione cartacea.

Nel corso degli anni il nucleo di documentazione sonora si è incrementato notevolmente, grazie all'attività delle molte donne appartenenti all'Associazione e al Centro che, molto spesso anche di propria iniziativa, hanno documentato gli eventi, le ricerche, le riunioni e in generale tutte le attività connesse in qualche modo a questa realtà bolognese. In archivio però non sono soltanto presenti le registrazioni di attività organizzate direttamente e in prima persona da Centro e Associazione, ma anche testimonianze di altri eventi, incontri, ricerche a cui le donne di Orlando hanno partecipato e contribuito in qualità di rappresentanti del Centro e dell'Associazione, nell'ambito dell'ampia rete nazionale e internazionale di contatti con altri gruppi, centri e istituzioni.

Così come la documentazione cartacea, anche le registrazioni sonore hanno seguito il Centro e l'Associazione nelle diverse sedi che nel corso degli anni li hanno ospitati, da via Galliera a palazzo dei Notai, all'ex-convento di S. Cristina in via del Piombo n. 5: si presume che questa continua movimentazione del materiale possa essere uno dei motivi per cui per alcuni gruppi di registrazioni sono pervenuti incompleti.

Nell'anno 2009 è stato attivato, nell'ambito del progetto "Una città per gli archivi", finanziato dalla Fondazione Cassa di risparmio in Bologna e dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, l'intervento di riordino ed inventariazione del fondo, effettuato a cura di Chiara Kolletzek.

Il fondo è stato ricompreso nella dichiarazione di interesse storico particolarmente importante, relativa al patrimonio documentario dell'Archivio di storia delle donne, della Soprintendenza Archivistica per l'Emilia-Romagna di cui al decreto DR. del 14/07/2010, notificato con lettera prot. 11691 del 26/07/2010."

[tratto dalla scheda pubblicata nel portale del progetto "Una città per gli archivi"]

altre risorse sul web

Inventario delle registrazioni sonore
disponibile nel portale del progetto "Una città per gli archivi" e in parte corredato di riproduzioni digitali.