Archivi ER

Archivi ER - Sistema informativo partecipato degli archivi storici in Emilia-Romagna

Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Comune di San Leo
Piazza Dante Alighieri 1

47865 San Leo (RIMINI)

tel: 0541916211
0541916226
fax: 0541916184

scrivi
sito web

responsabile: Sandro Spada Ferri scrivi

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: Archivi ER > BIM - Imola > San Leo > Visualizzazione XML

Archivio dell'Abbondanza di San Leo

<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<!DOCTYPE c PUBLIC "+//ISBN 1-931666-00-8//DTD ead.dtd (Encoded Archival Description (EAD) Version 2002)//EN" "ftp://ftp.loc.gov/pub/ead/ead.dtd">
<c id="IT-ER-IBC-AS00486-0000001" level="fonds">
    <did>
        <origination encodinganalog="ISAD 2 - 1 name of creator(s)">
            <corpname authfilenumber="IT-ER-IBC-SP00001-0001461">Abbondanza di San Leo</corpname>
        </origination>
        <physdesc encodinganalog="ISAD 1 - 5 extent and medium of the unit of description">
            <extent>10</extent>
            <genreform>registri</genreform>
        </physdesc>
        <unitid countrycode="IT" encodinganalog="ISAD 1 - 1 reference code">486 - 001</unitid>
        <unittitle encodinganalog="ISAD 1 - 2 title">Archivio dell'Abbondanza di San Leo
            <title type="altra denominazione">Archivio del Monte frumentario (San Leo)</title>
            <unitdate encodinganalog="ISAD 1 - 3 date(s)" normal="16220101-17961231">1622 - 1796</unitdate>
        </unittitle>
    </did>
    <descgrp encodinganalog="ISAD 2 context area">
        <custodhist encodinganalog="ISAD 2 - 3 archival history">
            <p>L'attuale consistenza risulta essere la stessa di quella annotata, nella prima metà del sec. XVIII, nel "libro mastro&quot; dell'archivio pubblico. Rispetto a quell'inventario, manca solo una filza di carte con estremi 1661 nov. 23 - 1705 nov. 20. Ma della consistenza originaria dell'archivio, molto risulta sicuramente perduto, visto che, nelle fonti, sono citati &quot;libri dell'Abbondanza&quot; datati a partire &quot;dal 1590 indietro".
Quando nel marzo del 1612, per giungere ad una migliore amministrazione degli affari della comunità, i priori sottoposero all'approvazione del consiglio generale una serie di punti tra cui alcuni di tenuta di registri, tra questi anche quello che prevedeva la tenuta di un registro dell'Abbondanza in cui annotare il capitale della stessa, i nomi degli abbondanzieri ed i prezzi di calmiere di volta in volta stabiliti per grano e pane.
Se la tenuta dei registri in uso era degli ufficiali che prestavano il loro servizio per l'Abbondanza, quelli completi risultano conservati e questo nei primi decenni del Seicento, con altri registri di amministrazione della comunità, dal sindico della stessa e frammista alla documentazione propriamente comunale, è giunta.</p>
        </custodhist>
    </descgrp>
    <descgrp encodinganalog="ISAD 3 content and structure area">
        <scopecontent encodinganalog="ISAD 3 - 1 scope and content">
            <p>L'archivio dell'Abbondanza conserva registri datati a partire dal 1622, estremo cronologico iniziale della serie delle Revisioni.
L'attività posta in essere, nel corso dei secoli, dagli uffici dell'Abbondanza di San Leo ha generato due serie documentarie principali, che sono quella delle entrate ed uscite e quella delle revisioni, a cui si aggiungono un registro con le verbalizzazioni delle decisioni prese dal consiglio generale relative all'istituzione ed un registro in cui furono annotati documenti relativi ad una vertenza fra la comunità e gli ufficiali dell'Abbondanza.</p>
        </scopecontent>
    </descgrp>
    <descgrp encodinganalog="ISAD 4 conditions of access and use area">
        <otherfindaid encodinganalog="ISAD 4 - 5 finding aids">
            <p>Sonia Ferri ( a cura di), Archivio Storico del Comune di San Leo. Prenapoleonico (1509-1808) ed Aggregati (1476-1862). Inventario, 1999</p>
        </otherfindaid>
    </descgrp>
</c>