IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Archivio storico comunale di Carpi
Piazzale Re Astolfo 1

41012 Carpi (MODENA)

tel: 059649959
059649960
fax: 059649976

scrivi
sito web (Sezione dedicata all'interno del sito del Palazzo dei Pio)
sito web (SIA.MO Sistema Informativo Archivistico Modenese)

responsabile: Giovanni Gnoli scrivi

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Inventari on line > Carpi > Visualizzazione XML

Archivio del Consorzio canale Migliarina (Carpi)

<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<!DOCTYPE c PUBLIC "+//ISBN 1-931666-00-8//DTD ead.dtd (Encoded Archival Description (EAD) Version 2002)//EN" "ftp://ftp.loc.gov/pub/ead/ead.dtd">
<c id="IT-ER-IBC-AS00738-0000001" level="fonds">
    <did>
        <physdesc encodinganalog="ISAD 1 - 5 extent and medium of the unit of description">
            <extent>4</extent>
            <genreform>buste</genreform>
        </physdesc>
        <physdesc encodinganalog="ISAD 1 - 5 extent and medium of the unit of description">
            <extent>8</extent>
            <genreform>registri</genreform>
        </physdesc>
        <physloc>Deposito periferico 1</physloc>
        <unitid countrycode="IT" encodinganalog="ISAD 1 - 1 reference code">0738 - 001</unitid>
        <unittitle encodinganalog="ISAD 1 - 2 title">Archivio del Consorzio canale Migliarina (Carpi)
            <unitdate encodinganalog="ISAD 1 - 3 date(s)" normal="18110101-19261231">1811 - 1926</unitdate>
        </unittitle>
    </did>
    <descgrp encodinganalog="ISAD 2 context area">
        <bioghist encodinganalog="ISAD 2 - 2 administrative - biographical history">
            <p>Il decreto del 4 maggio 1804, relativo alle spese per i lavori e per l'amministrazione delle acque pubbliche, e quello del 6 maggio 1806 stabilirono la creazione di società di interessati negli scoli che potessero provvedere ai lavori di bonifica e di miglioramento dei terreni. Tutti i terreni che godevano del beneficio di uno scolo formavano un comprensorio e i proprietari costituirono una società rappresentata da una delegazione, i cui membri erano designati dagli interessati tramite convocazione della Prefettura; ogni delegazione era formata da un presidente, un cassiere e un computista. Il decreto del 20 maggio 1806 stabilì la realizzazione dei consorzi di interessati e il cancelliere del censo, su incarico del prefetto, fece cessare le vecchie rappresentanze. La formazione dei nuovi consorzi stentò a partire a causa delle inadempienze e della complessità del meccanismo ideato per la loro gestione; di fatto entrarono nell'esercizio delle loro funzioni il primo gennaio 1811.</p>
        </bioghist>
    </descgrp>
    <descgrp encodinganalog="ISAD 3 content and structure area">
        <scopecontent encodinganalog="ISAD 3 - 1 scope and content">
            <p>- Atti 1905-1925, 4 buste;
- Giornale di cassa 1811-1813, 1 registro;
- Entrata e spesa 1815-1860, 1 registro;
- Campioni delle persone che usufruiscono del cavo 1811-1900 ca., 2 registri;
- Verbali del consiglio dei delegati 1909-1926, 1 registro;
- Verbali dell'assemblea 1903-1925, 1 registro;
- Protocollo 1909-1926, 2 registri.</p>
        </scopecontent>
    </descgrp>
</c>