IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Istituto per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena
Via Cesare Albicini 25

47121 Forlì (FORLI'-CESENA)

tel: 054328999
fax: 054328999

scrivi
scrivi (PEC)
sito web

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Inventari on line > Forlì > Visualizzazione XML

Archivio del Partito comunista italiano - Sezione di Forlimpopoli

<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<!DOCTYPE c PUBLIC "+//ISBN 1-931666-00-8//DTD ead.dtd (Encoded Archival Description (EAD) Version 2002)//EN" "ftp://ftp.loc.gov/pub/ead/ead.dtd">
<c id="IT-ER-IBC-AS00778-0000001" level="fonds">
    <did>
        <physdesc encodinganalog="ISAD 1 - 5 extent and medium of the unit of description">
            <extent>22</extent>
            <genreform>buste</genreform>
        </physdesc>
        <physloc>Armadio 9</physloc>
        <physloc>Palchetti 9-12</physloc>
        <unitid countrycode="IT" encodinganalog="ISAD 1 - 1 reference code">778 - 001</unitid>
        <unittitle encodinganalog="ISAD 1 - 2 title">Archivio del Partito comunista italiano - Sezione di Forlimpopoli
            <unitdate encodinganalog="ISAD 1 - 3 date(s)" normal="19450101-20030231">gennaio 1945 - febbraio 2003</unitdate>
        </unittitle>
    </did>
    <descgrp encodinganalog="ISAD 2 context area">
        <custodhist encodinganalog="ISAD 2 - 3 archival history">
            <p>Le carte della sezione del Pci di Forlimpopoli sono state consegnate dalla Fondazione Ariella Farneti all'l'Istituto Storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Forlì nel 2012. Nell'estate del 2013 è iniziato un riordino analitico senza poter disporre di un elenco di consistenza. Nonostante tale mancanza si sono subito riconosciute le serie tipiche delle sezioni del Pci e si è così potuto avviare la creazione dell'inventario. Il fondo copre un arco temporale molto lungo che per alcune serie permette la ricostruzione delle attività della sezione dal 1945, anno della sua costituzione, fino al 1991, anno della nascita del Partito democratico della sinistra (Pds). Nonostante ciò molte serie coprono un arco temporale molto più breve il che fa pensare che molto materiale della sezione sia andato perso o semplicemente non sia stato conservato in fase di archiviazione.</p>
        </custodhist>
    </descgrp>
    <descgrp encodinganalog="ISAD 3 content and structure area">
        <arrangement encodinganalog="ISAD 3 - 4 system of arrangement">
            <p>Nonostante la mancanza di un elenco di consistenza si è riusciti da subito ad individuare le principali serie del fondo che ricalcavano le caratteristiche di fondi simili. Inoltre l'aver svolto nello stesso periodo un lavoro di riordino sul fondo della Federazione provinciale del Pci di Forlì ha facilitato il nostro compito. Pur essendo arrivato all'istituto conservatore inserito in scatoloni il fondo conservava comunque la forma originaria in cui si era sedimentato, pur con probabili lacune.</p>
        </arrangement>
        <scopecontent encodinganalog="ISAD 3 - 1 scope and content">
            <p>E' qui descritto il fondo della sezione di Forlimpopoli del Partito comunista italiano con documentazione che va dal 1945 sino al 1991, anno in cui il partito si trasforma in Partito Democratico della Sinistra.
Il fondo del Pci di Forlimpopoli ha una struttura che rispecchia la struttura gerarchica dell'ente, più semplice rispetto alle federazioni provinciali ma comunque articolato in commissioni.
Il fondo è quindi organizzato in serie che raccontano le varie funzioni del partito. Oltre alla documentazione delle commissioni si trovano i carteggi, i documenti amministrativi, le carte relative ad eventi politici importanti, come le elezioni, le feste dell'Unità e le manifestazioni, e le serie relative ad organizzazioni legate al partito come la Federazione giovanile comunista italiana (Fgci).
Nonostante i documenti coprano almeno quattro decenni della storia del partito si nota una certa discontinuità temporale. Inoltre la serie relativa alla Commissione problemi internazionali termina nel 2003 anno in cui il Pci si era già trasformato in Pds prima e in Democratici di sinistra (Ds) poi.</p>
        </scopecontent>
    </descgrp>
    <descgrp encodinganalog="ISAD 5 allied materials area">
        <bibliography encodinganalog="ISAD 5 - 4 publication note">
            <bibref>
                <imprint>
                    <date>2006</date>
                    <geogname>Roma</geogname>
                    <publisher>Carocci</publisher>
                </imprint>
                <persname role="autore">Albertina Vittoria</persname>
                <title>Storia del PCI 1921-1991</title>
            </bibref>
            <bibref>
                <imprint>
                    <date>2011</date>
                    <geogname>Roma</geogname>
                    <publisher>Pantarei</publisher>
                </imprint>
                <persname role="autore">Giorgio Galli</persname>
                <title>Storia del Partito Comunista Italiano</title>
            </bibref>
            <bibref>
                <imprint>
                    <date>1978</date>
                    <geogname>Torino</geogname>
                    <publisher>Einaudi</publisher>
                </imprint>
                <persname role="autore">Paolo Spriano</persname>
                <title>Storia del Partito Comunista Italiano</title>
            </bibref>
        </bibliography>
    </descgrp>
</c>