Archivi ER

Archivi ER - Sistema informativo partecipato degli archivi storici in Emilia-Romagna

Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Comune di Rivergaro
Via San Rocco 24

29029 Rivergaro (PIACENZA)

tel: 0523953511
(Centralino)
fax: 0523953520

scrivi
clicca qui per pec

sito web

responsabile: Elena Mezzadri scrivi

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: Archivi ER > BIM - Imola > Rivergaro > Visualizzazione XML

Archivio dell'Ufficio di conciliazione di Rivergaro

<?xml version="1.0" encoding="ISO-8859-1"?>
<!DOCTYPE c PUBLIC "+//ISBN 1-931666-00-8//DTD ead.dtd (Encoded Archival Description (EAD) Version 2002)//EN" "ftp://ftp.loc.gov/pub/ead/ead.dtd">
<c id="IT-ER-IBC-AS01148-0000000" level="fonds">
    <did>
        <physdesc encodinganalog="ISAD 1 - 5 extent and medium of the unit of description">
            <extent>5</extent>
            <genreform>registri</genreform>
        </physdesc>
        <physdesc encodinganalog="ISAD 1 - 5 extent and medium of the unit of description">
            <extent>9</extent>
            <genreform>buste</genreform>
        </physdesc>
        <unitid countrycode="IT" encodinganalog="ISAD 1 - 1 reference code" identifier="AS01148" label="Piacenza - Comune" repositorycode="ER-IBC">1148 - 001</unitid>
        <unittitle encodinganalog="ISAD 1 - 2 title">Archivio dell'Ufficio di conciliazione di Rivergaro
            <unitdate encodinganalog="ISAD 1 - 3 date(s)" normal="18920101-19621231">1895 - 1962</unitdate>
        </unittitle>
    </did>
    <descgrp encodinganalog="ISAD 2 context area">
        <bioghist encodinganalog="ISAD 2 - 2 administrative - biographical history">
            <p>Il Giudice conciliatore era un magistrato dell'ordine giudiziario istituito in ogni Comune dal R. D. del 6 dicembre 1865 (e R. D. del 30 gennaio 1941, n. 12) per definire in via amichevole e, in caso non fosse possibile un accordo delle parti per risolvere con giudicato, le cause di minore importanza. Le sue competenze furono poi regolate con la legge del 16 giugno 1892 (n. 261) e con il regolamento per l'esecuzione della suddetta legge (R. D. del 26.12.1892).
Le funzioni di Cancelliere dell'Ufficio di conciliazione erano svolte dal segretario del Comune o da un altro impiegato comunale che, pertanto, dipendeva gerarchicamente esclusivamente dall'autorità giudiziaria.
Al messo di conciliazione, istituito con legge del 3 febbraio 1957, n. 16 erano affidate mansioni di notifica e di esecuzione coattiva, oltre che tutte le altre necessarie per l'ordinato svolgimento delle udienze.
L'Ufficio di Conciliazione era funzionalmente un organo giurisdizionale, ma - secondo il parere della Direzione generale degli Affari civili e delle libere professioni del Ministero di Grazia e Giustizia - sul piano organizzativo, contabile ed amministrativo doveva considerarsi un ufficio dell'Amministrazione comunale.
Divenuta la sua attività residuale, ne è stata decisa la soppressione e la sostituzione con la nuova figura del Giudice di pace (attiva dal 1° maggio 1995), a seguito dell'art. 44 della Legge n. 374 del 21 novembre 1991 ("Istituzione del Giudice di pace").</p>
        </bioghist>
        <custodhist encodinganalog="ISAD 2 - 3 archival history">
            <p>La documentazione prodotta dal Giudice conciliatore segue le medesime vicende archivistiche occorse al locale archivio storico comunale. E' stato oggetto di un intervento di riordino ed elencazione nel 1989 ad opera di Franco Torregiani.</p>
        </custodhist>
    </descgrp>
    <descgrp encodinganalog="ISAD 3 content and structure area">
        <arrangement encodinganalog="ISAD 3 - 4 system of arrangement">
            <p>La documentazione è organizzata cronologicamente.</p>
        </arrangement>
        <scopecontent encodinganalog="ISAD 3 - 1 scope and content">
            <p>Il fondo è costituito dalla documentazione relativa a verbali di cause e sentenze del conciliatore e registri dell'ufficio di conciliazione, repertori degli atti e registri delle udienze.</p>
        </scopecontent>
    </descgrp>
</c>