IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna
Viale Aldo Moro 64
40127 Bologna (BOLOGNA)

tel: 0515273317
(Segreteria del Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna)
0516630640
(Sede di San Giorgio di Piano dell'Archivio storico regionale)
fax: 0515273982

scrivi (Segreteria del Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna)
scrivi (Sede di San Giorgio di Piano dell'Archivio storico regionale)
sito web
sito web (Pagina web dedicata a Archivio storico regionale)

responsabile: Gabriele Bezzi scrivi

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Conservatori > Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna > Archivio dell'Azienda regionale delle foreste dell'Emilia-Romagna

Archivio dell'Azienda regionale delle foreste dell'Emilia-Romagna     1973-1997

espandi chiudi
altra denominazione
  • Archivio dell'ARF dell'Emilia-Romagna
consistenza
  • 250 metri lineari complessivi 
  • 2530 pezzi (buste, registri, mazzi, etc.) 
descrizione
  • L’Azienda fu istituita con L. R. 25 maggio 1974 n. 18 e provvedeva alla gestione tecnica ed amministrativa nonché alla tutela dei beni silvo-pastorali appartenenti al patrimonio indisponibile della Regione Emilia - Romagna. Con atti degli organi deliberanti della stessa Azienda, il servizio venne articolato in struttura centrale e decentrata; entrambe le strutture erano coordinate ed unite da un’unica direzione generale. Gli uffici centrali erano così designati: ufficio affari generali, legali e del personale, bilancio e contabilità, forestazione, vivaistica, inventario forestale, piani economici ed elaborazione dati, ricerca e sperimentazione. La struttura decentrata era dotata di uffici o di settori operativi, direttamente collegati alla sede centrale e dislocati nel territorio regionale, in particolare nelle località di preminente interesse forestale. Nel 1981, con L. R. n. 30 del 4 settembre, furono ridefiniti i compiti dell’Azienda, con conseguente riorganizzazione interna, che fu articolata allora in uffici e unità operative centrali e periferiche. L’Azienda fu infine soppressa con la L.R. 29 marzo 1993 n. 17 con effetto dal 2 aprile dello stesso anno: il Presidente della Giunta della Regione Emilia - Romagna nominò allora un commissario liquidatore, con l’incarico di adottare gli atti necessari a garantire la continuità delle funzioni e la regolare gestione economica e patrimoniale, fino all’adozione dei provvedimenti per l'attribuzione delle funzioni della soppressa ARF agli enti per la gestione dei parchi, alle comunità montane, alle province, alle associazioni e consorzi.
    Il fondo è strutturato in sub-fondi, corrispondenti ai singoli settori di attività dell'Azienda:
    - direzione;
    - forestazione;
    - vivaistica;
    - inventario e piani economici;
    - ricerca e sperimentazione;
    - statistica;
    - elaborazione dati;
    - stampa e documentazione;
    - affari generali, legali e del personale;
    - servizio tecnico;
    - bilancio e contabilità;
    - unità operativa di Castelnovo ne’ Monti (RE).
    Si segnala che al fondo è aggregato l'archivio del Comitato regionale per il Pioppo, formato da documentazione prodotta tra il 1969 e il 1984 e con una consistenza di bb. 11. E' anche presente della documentazione prodotta a partire dal 1956 non meglio identificata.
    Il fondo è consultabile tramite un inventario sommario, realizzato su supporto informatico
conservato presso: Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna    da: 2010

strumenti di ricerca

espandi chiudi
  • - Regione Emilia-Romagna - Coordinamento tecnico degli archivi di giunta, Archivio storico della Regione Emilia-Romagna: guida ai fondi, 2010. Guida

dati aggiornati al 31/12/2013

espandi chiudi
aggiornamento a cura di
  • Polo archivistico regionale dell'Emilia-Romagna
validazione a cura di
  • IBC-Soprintendenza per i beni librari e documentari della Regione Emilia-Romagna