IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Archivio di Stato di Piacenza
Piazza Cittadella 29

29121 Piacenza (PIACENZA)

tel: 0523338521
fax: 0523384916

scrivi
scrivi
sito web (Archivio di Stato di Piacenza)
sito web (SIAS -Sistema informativo degli archivi di stato)


Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > BIM - Imola > Archivio di Stato di Piacenza

Archivio di Stato di Piacenza

descrizione

espandi chiudi
nota storica
  • L'Archivio di Stato di Piacenza è stato censito in qualità di conservatore degli archivi storici e relativi aggregati del Comune e della Provincia di Piacenza.
    Il Comune di Piacenza ha depositatato la propria documentazione in due fasi: nel 1976 furono trasferiti nella nuova sede di Palazzo Farnese gli atti, prima conservati nell'ex Chiesa di Sant'Ilario, prodotti dall'antica Comunità fin dal secolo XII e successivamente dal Comune di Piacenza fino al 1946, comprendenti anche gli archivi degli organi statali centrali e periferici del ducato di Piacenza (1545-1802) sedimentatisi presso l'archivio storico comunale; il trasferimento riguarḍ inoltre i numerosi archivi aggregati tra cui quelli dei Comuni soppressi di Mortizza, San Lazzaro e Sant'Antonio. Nell'autunno del 2010 il Comune ha depositato l'archivio del Giudice conciliatore e un'ulteriore porzione di archivio storico con atti fino ai primi anni '70 del secolo scorso, promuovendo il riordino con redazione di un elenco di consistenza/inventario topografico della documentazione 1806-1969.
    La Provincia di Piacenza, dopo un primo deposito effettuato nel 1983 di parte della propria documentazione dal 1861 al 1928, nel 2010 ha proceduto a depositare in Archivio di Stato sia l'archivio storico 1929-1970 e sia gli archivi aggregati (archivi di alcuni enti soppressi nel 1912 ed altri acquisiti tra gli anni '70 - '90 del secolo scorso: Ospedale psichiatrico 1978, vari Consorzi 1980, Comitato prezzi 1991, APT 1997). In concomitanza con questo secondo trasferimento la Provincia ha condotto una complessiva ricognizione e riordino della documentazione, redigendo una guida a tutti i fondi di propria pertinenza.
    Per ulteriori informazioni sul patrimonio documentario, risorse informative e condizioni di accesso si rimanda ai siti web del conservatore e del SIAS

archivi

espandi chiudi

strumenti di ricerca

espandi chiudi

dati aggiornati al 31/12/2010

espandi chiudi
  • aggiornamento a cura del Conservatore
  • verifica a cura della Provincia competente per territorio
  • validazione a cura di IBC-Soprintendenza per i beni librari e documentari
dati in corso di aggiornamento