Archivi ER

Archivi ER - Sistema informativo partecipato degli archivi storici in Emilia-Romagna

Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Federazione delle cooperative della provincia di Ravenna
Via Faentina 106

48123 Ravenna (RAVENNA)

tel: 0544509547
(Segreteria di Presidenza)
fax: 0544509555

scrivi
clicca qui per pec

sito web

responsabile: Liviana Ballardini scrivi


Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: Archivi ER > Conservatori > Federazione delle cooperative della provincia di Ravenna
scheda conservatori 1 di 0

Federazione delle cooperative della provincia di Ravenna

descrizione

espandi chiudi
nota storica
  • La Federazione delle cooperative della Provincia di Ravenna nasce nel 1902 con lo scopo di coordinamento e ripartizione dell'assunzione dei lavori pubblici da parte delle cooperative. Prima si rivolge ai lavori di bonifica e riassetto del territorio, poi, con l'acquisto della prima azienda agricola, alla gestione diretta dei terreni agricoli. L'avvento del fascismo segna un'interruzione nell'opera della Federazione: nel 1922 viene incendiata la sede, Palazzo Rasponi, ed i vertici dell'organizzazione vengono sostituiti. La struttura organizzativa, tuttavia, viene mantenuta e con la caduta del regime l'attività riprende velocemente. Dopo la fase di tumultuosa e disordinata crescita della cooperazione ravennate nel dopoguerra, negli anni '50 e '60 la Federazione offre un importante supporto sia tecnico che finanziario allo sviluppo, fondato sulla trasformazione dell'agricoltura, sulla nascita delle strutture di lavorazione e sul rapporto diretto con il mercato italiano ed estero. Fino agli anni 70 l'attività si sviluppa prevalentemente nel settore agricolo, senza trascurare l'assetto del territorio, poi, per volontà sia degli associati che della Lega delle Cooperative, accentua la sua attività intersettoriale diversificando le sue attività.
    Nel 2002, nell'ambito delle celebrazioni per il centenario della propria nascita, la Federazione delle cooperative della Provincia di Ravenna decide di mantenere la proprietà del centro aziendale della tenuta Marcabò (acquistata nel 1914) di cui fanno parte tutti gli edifici attorno alla Cascina Mandriole (Sant'Alberto di Ravenna), per farne un polo culturale della memoria del territorio e della cooperazione. Così, oltre alla valorizzazione della Casa - museo dove morì Anita Garibaldi il 4 agosto del 1849, la Federazione avvia un processo di raccolta del patrimonio archivistico della cooperazione ravennate, attorno al nucleo principale costituito proprio dall'archivio storico della Federazione. Dal 2014 presso la Cascina, confluiscono in momenti diversi l'archivio storico della Federazione e diversi altri archivi legati alla cooperazione della provincia di Ravenna.
    Molteplici gli interventi di riordino e descrizione promossi dalla Federazione, di cui i due più recenti sono la ricognizione complessiva eseguita nel 2015 dalla cooperativa Le Pagine, e l'intervento condotto da Fabrizio Monti nel 2019, con cui è stata approfondita la descrizione della parte più antica del complesso archivistico.

condizioni di accesso

espandi chiudi
Data l’esigenza di un costante adeguamento alla normativa vigente in materia di prevenzione e contrasto all’epidemia COVID-19, si invitano gli utenti a rivolgersi direttamente al Conservatore ai recapiti indicati, per verificare puntualmente le condizioni di accesso, le modalità di consultazione e i servizi erogati.

dati aggiornati al 31/12/2021