Archivi ER

Archivi ER - Sistema informativo partecipato degli archivi storici in Emilia-Romagna

Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Associazione nazionale fra mutilati ed invalidi di guerra - Sezione di Ravenna
Via Molino 5

48121 Ravenna (RAVENNA)

tel: 0544212824

scrivi
clicca qui per pec


responsabile: Andrea Casadio scrivi


Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: Archivi ER > Conservatori > Associazione nazionale fra mutilati ed invalidi di guerra - Sezione di Ravenna
scheda conservatori 1 di 0

Associazione nazionale fra mutilati ed invalidi di guerra - Sezione di Ravenna

ANMIG - Sezione di Ravenna -

descrizione

espandi chiudi
nota storica
  • L'Associazione Nazionale fra Mutilati e Invalidi di Guerra, costituitasi a Milano il 29 aprile 1917, persegue, sin dalla fondazione, in base a quanto stabilito nell'art.1 dello Statuto, finalità di ordine ideale, morale e patriottico, volte a promuovere, nel ricordo del dovere compiuto per la patria e nell'auspicio della eliminazione delle guerre, ogni iniziativa diretta al consolidamento della Pace, della cooperazione e dell'amicizia tra gli Stati, nonché allo sviluppo del civile, giusto e democratico progresso del popolo italiano. L'ANMIG è un ente morale di diritto privato, che ha il fine di rappresentare, tutelare ed unire a livello nazionale i mutilati ed invalidi di guerra: attualmente annovera fra i propri soci, oltre agli invalidi di guerra ancora in vita, le vedove e i loro discendenti -figli, nipoti e pronipoti- che hanno raccolto il testimone dei padri fondatori, e in qualità di soci sostenitori anche quanti, non parenti, ne condividono gli ideali statutari. Gelosa custode di un immenso patrimonio di valori e di testimonianze acquisito nel corso dei suoi 100 anni di vita, per preservarne la dispersione l'Associazione ha costituito agli inizi degli anni Duemila una Fondazione con il compito di tramandare alle giovani generazioni questa preziosa eredità ideale e di conservarne la memoria storica.
    Non si ha notizia certa in merito all'atto costitutivo della Sezione di Ravenna o al riconoscimento ufficiale da parte del Comitato di Roma, non essendosi conservati tali atti fra la documentazione archivistica a noi pervenuta. Probabilmente la Sezione fu attiva dal 1919: purtroppo il suo archivio è andato in gran parte disperso. Le cause non sono state accertate: è probabile che in occasione della vendita della Casa del Mutilato e del trasferimento della Sezione in altra sede, la documentazione non corrente sia stata eliminata. Inoltre non si escludono dispersioni determinate da scarti arbitrari o distruzioni causate da eventi bellici o naturali: la Casa del Mutilato infatti, sede dell'associazione dal 1941, subì danni causati dai bombardamenti dell'agosto - novembre 1944 sulla città di Ravenna; inoltre dal dicembre 1944 fino al mese di ottobre 1946 fu requisito dalla truppe alleate che provocarono altri ingenti danni.
    Il recente (2021) intervento di riordino e inventariazione dell'archivio, peraltro l'unico di cui si abbia notizia, rientra nell'ambito di un progetto regionale di riordino e valorizzazione del patrimonio archivistico dell'ANMIG. Costituisce inoltre una delle tappe portanti di un più ampio progetto di recupero e valorizzazione della storia dell'ANMIG di Ravenna, intrapreso dalla Sezione negli ultimi anni, in linea con la politica di rinnovamento e apertura alle scuole (in particolare con l'iniziativa Pietre della memoria e l'organizzazione dei "viaggi della memoria" nei luoghi della Memoria del Novecento) e più in generale alla collettività. Il progetto prevede ulteriori azioni di recupero del patrimonio librario e documentario (schedatura informatizzata delle schede storiche dei soci, riordino e catalogazione del patrimonio fotografico e della biblioteca) e una ricerca storica ai fini della pubblicazione di un volume sulla storia dell'ANMIG ravvenate.
    L'archivio dell'Associazione nazionale fra mutilati ed invalidi di guerra - Sezione di Ravenna è attualmente conservato presso la sede dell'Associazione e consultabile su appuntamento.

condizioni di accesso

espandi chiudi
Data l’esigenza di un costante adeguamento alla normativa vigente in materia di prevenzione e contrasto all’epidemia COVID-19, si invitano gli utenti a rivolgersi direttamente al Conservatore ai recapiti indicati, per verificare puntualmente le condizioni di accesso, le modalità di consultazione e i servizi erogati.

dati aggiornati al 31/03/2022