Archivi ER

Archivi ER - Sistema informativo partecipato degli archivi storici in Emilia-Romagna

Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Antoniano dei frati minori di Bologna
Via Guido Guinizelli 3

40125 Bologna (BOLOGNA)

tel: 0513940206
(Segreteria)
0513940216
(Segreteria)
fax: 051341844

scrivi
sito web

responsabile: Riccardo Pedrini scrivi


Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: Archivi ER > Conservatori > Antoniano dei frati minori di Bologna
scheda conservatori 1 di 0

Antoniano dei frati minori di Bologna

descrizione

espandi chiudi
nota storica
  • L'Antoniano dei frati minori è un ente che dipende direttamente dalla Provincia di Cristo Re dei frati minori dell'Emilia Romagna.
    Le origini della sua fondazione sono da ascriversi alle vicende di un frate minore francescano che, al termine del secondo conflitto mondiale, progettò un locale presso il convento di S. Antonio di Bologna dove accogliere i bisognosi e dare loro un pasto caldo. A partire dal dicembre 1951, padre Ernesto Caroli insieme ad altri religiosi del convento e ad alcuni laici, diede vita a comitati con il compito di promuovere le cosiddette "Opere caritative antoniane". I comitati si occupano di diverse attività assistenziali: raccolta del pane, costruzione di appartamenti da assegnare gratuitamente a famiglie bisognose, svincolo dei pegni, pagamento delle bollette, consegna di spesa e medicine, distribuzione di indumenti, calzature, biancheria personale e per la casa.
    Sin dagli inizi, le opere caritative dell'Antoniano si accompagnarano alle iniziative culturali, inaugurate dalla "Biennale d'arte sacra contemporanea" nel 1954, seguita dall'istituzione dell'Accademia antoniana d'arte drammatica e della scuola di danza classica, dove i giovani potevano apprendere l'arte della recitazione, della tecnica cinematografica, delle altre discipline dello spettacolo e della danza.
    L'archivio dell'ente è stato costituito a partire dal 2011, quando furono individuati locali idonei e a norma per la conservazione e la consultazione della documentazione. Antecedentemente a tale data non esisteva un locale preposto alla conservazione della documentazione, che si trovava dislocata in diversi uffici e locali dell'ente senza un ordinamento particolare se non quello rispondente all'uso amministrativo e corrente. Nel 2012 l'Antoniano è stato censito in qualità di conservatore nell'ambito del progetto "Una città per gli archivi", che ha sostenuto il riordino e inventariazione della documentazione ivi conservata.

archivi

espandi chiudi

condizioni di accesso

espandi chiudi
Data l’esigenza di un costante adeguamento alla normativa vigente in materia di prevenzione e contrasto all’epidemia COVID-19, si invitano gli utenti a rivolgersi direttamente al Conservatore ai recapiti indicati, per verificare puntualmente le condizioni di accesso, le modalità di consultazione e i servizi erogati.

dati aggiornati al 31/12/2012