IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Modena
Viale Ciro Menotti 137

41121 Modena (MODENA)

tel: 059219442
059242377
fax: 059214899

scrivi
sito web

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Inventari on line > Modena > Struttura dell'inventario

Carte Antonio Ferrari 1940 - 1943
  visualizza XML
con antecedenti dal 1875 e seguiti al 1995
vai al soggetto produttore: Ferrari Antonio

fondo
fascicolo 1, volumi 2, unità documentarie 37

Il fondo "Carte Antonio Ferrari" è costituito da una piccola raccolta di documenti eterogenei per tipologia e contenuto, e circoscritti cronologicamente per lo più al periodo 1940-1943.
espandi chiudi


Si tratta dell'esigua ma preziosa sopravvivenza documentale relativa alla biografia di Antonio Ferrari che, pur non facendo riferimento alla sua esperienza resistenziale (dopo l'8 settembre infatti collabora con il Comitato modenese che si adopera per il salvataggio dei militari Alleati fuggiti dai campi di prigionia italiani), introduce però alla conoscenza della sua formazione culturale, degli studi condotti, degli interessi davvero straordinari per la sua giovane età, rivelando un profilo umano e intellettuale di grande interesse, la cui storia viene bruscamente interrotta dalla violenza della guerra: è il profilo di un giovane che fra i 16 e i 18 anni (1940-1943) si interessa di buddismo, filosofia europea e orientale; lingua, religione e cultura tibetana; storia del patrimonio artistico delle città di Modena, Bologna e Ferrara; storia locale modenese con particolare attenzione per Fiumalbo; paleografia e archivistica.

criteri di ordinamento
Le carte sono state riordinate sulla base di un criterio che fa riferimento alla sola tipologia, data l'esiguità della consistenza e non trattandosi di un fondo strutturato. La documentazione è descritta comunque in maniera analitica in modo da superare i limiti della frammentarietà e fornire quante più informazioni possibili al ricercatore.
I materiali sono ordinati e conservati all'interno di una busta.

storia archivistica
Le carte sono giunte in Istituto storico all'interno di una busta, accumulate senza alcun ordine, e sono state riordinate e descritte per la prima volta con il presente intervento.

modalità di acquisizione
Le carte sono state donate nell'ottobre del 2017 all'Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Modena da Flavia e Anna Solieri, nipoti di Maria Ferrari, sorella di Antonio, che le aveva sempre custodite.


codice interno: 1232 - 001

informazioni redazionali
Inventario a cura di
Laura Cristina Niero, 2021

realizzato per
Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Modena

intervento redazionale a cura di 
Servizio Patrimonio culturale della Regione Emilia-Romagna, 2021