IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Istituto per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena
Via Cesare Albicini 25
47121 Forlì (FORLI'-CESENA)

tel: 054328999
fax: 054328999

scrivi
scrivi (PEC)
sito web

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Inventari on line > Forlì > Struttura dell'inventario

Archivio dell'Associazione nazionale combattenti e reduci - Sezione di Forlì 1920 - 2000
  visualizza XML
fondo
registri 30, fascicoli 53, buste 11

Il fondo è costituito dalle carte prodotte dalla Sezione di Forlì dell'Associazione nazionale combattenti (nel periodo compreso fra il 1920 ed il 1947) e dell'Associazione nazionale combattenti e reduci (nel periodo compreso fra il 1947 e il 2000). Si conservano documenti dal 1920, anche se si riscontrano dispersioni e perdite, in particolare per la maggior parte della documentazione prodotta nel corso dei primi venti anni di vita dell'Associazione. Ad eccezione delle schede soci, delle domande di iscrizione degli stessi alla Sezione e di alcuni fascicoli di carteggio, presenti dal 1920, le restanti serie archivistiche conservano documentazione dal 1946 in avanti.
espandi chiudi


Il fondo è il risultato delle attività dell'ente per il perseguimento dei fini propri dell'Associazione, attività che hanno portato alla progressiva produzione e sedimentazione delle carte. Si conservano i verbali del Consiglio direttivo, organo esecutivo, le Assemblee dei soci, il carteggio prodotto e acquisito con i registri di protocollo conservati dal 1949 al 1999, la documentazione strettamente collegata agli associati, con le domande di associazione e le schede dei soci, ed una singola busta con atti relativi alla gestione di attività economiche per il sostentamento della Sezione e dei soci bisognosi.
Infine si conservano documenti contabili che rendicontano l'attività finanziaria e patrimoniale dell'ente, oltre a poca documentazione relativa alla gestione del personale assunto.
La documentazione più antica, come sopra accennato, è quella conservata all'interno dei fascicoli dei primi associati alla Sezione.

criteri di ordinamento
Le carte si presentavano ad inizio intervento sommariamente descritte sul dorso o sulla camicia delle unità di conservazione. Questo ha reso più agevole la ricostruzione delle serie archivistiche, in parte già strutturate durante la stratificazione delle carte, ma andate perse nel tempo. L'elaborazione di un elenco di consistenza da parte della cooperativa Ebla nel corso del 2013 ha aiutato il riconoscimento delle unità ed ha facilitato il riaccorpamento delle principali serie archivistiche che riflettono in pieno la struttura organizzativa e amministrativa della Sezione.
La documentazione risulta priva di sistemi di classificazione originaria delle carte, pertanto è stata riordinata ricreando le principali serie -deliberative, amministrative e contabili- che si sono formate e sedimentate con l'attività dell'ente.

storia archivistica
L'archivio dell'Associazione nazionale combattenti e reduci - Sezione di Forlì è attualmente conservato presso l'Istituto per la Storia della Resistenza e dell'Età Contemporanea della Provincia di Forlì-Cesena, secondo quanto stabilito dalla convenzione di deposito firmata in data 20 novembre 2013 da parte dell'Associazione nazionale combattenti e reduci, Federazione delle Provincie di Forlì-Cesena e Rimini e dell'Istituto stesso.
Fin dalla sua costituzione la Sezione di Forlì ha condiviso la sede con la Federazione provinciale, fatto che ha determinato il confondersi in parte delle carte appartenenti ai due archivi, anche a seguito dei traslochi avvenuti nel corso degli anni.
Al momento del trasferimento dell'archivio presso l'Istituto per la Storia della Resistenza e dell'Età Contemporanea della Provincia di Forlì-Cesena, in Casa Saffi via Cesare Albicini 25, avvenuta nel 2013, la documentazione archivistica si presentava in buono stato di conservazione e corredata di un elenco di consistenza redatto nel 2013 dalla cooperativa Ebla soc. coop. di Cesena su incarico della Federazione stessa. Partendo dall'elenco di consistenza sono state identificate tutte le unità archivistiche appartenenti al fondo della Sezione di Forlì e ricostruite le serie.
L'integrità del fondo in oggetto è stata influenzata dalle vicende storiche del soggetto produttore. In particolare alcuni singoli episodi come vedremo, ed i diversi cambi di sede hanno determinato quasi certamente alcune dispersioni del materiale archivistico, che possono giustificare le lacune evidenziate in fase di riordino e descrizione archivistica.
Nel 1924, come riportato dalle cronache giornalistiche, l'archivio venne danneggiato a causa dell'occupazione e devastazione dei locali dell'associazione da parte dei fascisti. Sembra invece che il passaggio del fronte a Forlì, durante la seconda guerra mondiale, non abbia causato "danni di sensibile rilievo" all'archivio. Infatti, secondo il verbale di consegna della Sezione di Forlì al Commissario Stefano Ricci del 22 marzo 1945 "né gli avvenimenti del luglio 1943, né l'approssimarsi del fronte di battaglia del secondo semestre del 1944, hanno causato danni di sensibile rilievo ai documenti, schedari, rubriche, ruolini, proprietà in generale della Sezione".(1)
Presumibilmente l'archivio potrebbe avere invece subito danni e dispersioni nel 1998, a seguito dell'allagamento degli ambienti in cui era conservato all'interno della sede dell'Associazione in via Maroncelli 15.
Si può ipotizzare, inoltre, che l'archivio possa aver subito danni o dispersioni a seguito dei traslochi di sede avvenuti nel tempo. La prima sede sociale si trovava presso locali presenti all'interno del palazzo della Biblioteca comunale in Corso della Repubblica 70. Qui l'Associazione fu ospitata dalla sua fondazione nel 1919 fino al 1983, quando la sede fu trasferita in via Maroncelli 15 sempre a Forlì. Successivo trasferimento fu operato nel corso dell'anno 1999, in via Nullo, per poi passare nel 2006 in Viale Roma 18. Da questa ultima sede sociale, come già accennato, la documentazione archivistica fu consegnata all'Istituto per la Storia della Resistenza e dell'Età Contemporanea della Provincia di Forlì-Cesena, in Casa Saffi. La Sezione forlivese dei combattenti e reduci ha mantenuto la propria sede amministrativa in Viale Roma 18, e attualmente vive una fase di ricostituzione e riorganizzazione in seguito al mancato rinnovo degli organi dirigenti durante le fasi congressuali del 2016.

Note
1. Archivio dell'Associazione nazionale combattenti e reduci - Federazione delle provincie di Forlì-Cesena e Rimini 1917 - 2010, Serie "Carteggio organizzato per pratiche", fasc. "Passaggio delle consegne della Federazione al Commissario straordinario" , 1943 - 1947.


codice interno: 539 - 001

informazioni redazionali
Inventario a cura di
Fabrizio Monti, 2016

realizzato per
Istituto per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena

Intervento redazionale a cura di
Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna - Servizio biblioteche archivi musei e beni culturali, 2018