IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Archivio storico comunale di Carpi
Piazzale Re Astolfo 1
41012 Carpi (MODENA)

tel: 059649959
059649960
fax: 059649976

scrivi
sito web (Sezione dedicata all'interno del sito del Palazzo dei Pio)
sito web (SIA.MO Sistema Informativo Archivistico Modenese)

responsabile: Giovanni Gnoli scrivi

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Inventari on line > Carpi > Struttura dell'inventario

Archivio del Consorzio cavo Papacina poi Lama Papacina (Carpi) 1811 - 1928
  visualizza XML
fondo
buste 18, registri 33, mazzi 3

- Atti 1882-1926, 18 buste;
espandi chiudi


- Campioni del cavo Lama Papacina 1893-1899, 4 registri;
- Entrata e spesa 1815-1893, 1 registro;
- Campioni delle persone che usufruiscono del cavo 1811-1902, 6 registri;
- Progetto di sistemazione del cavo 1829-1880 ca., 10 registri;
- Verbali del consiglio di amministrazione 1878-1930 con lacune, 5 registri;
- Verbali del consiglio dei delegati 1878-1924, 3 registri;
- Verbali dell'assemblea 1891-1928, 2 registri;
- Protocollo 1894-1924, 1 registro;
- Incassi 1894-1924, 1 registro;
- Catasto 1920 ca., 3 mazzi.

informazioni sul contesto di produzione
Il decreto del 4 maggio 1804, relativo alle spese per i lavori e per l'amministrazione delle acque pubbliche, e quello del 6 maggio 1806 stabilirono la creazione di società di interessati negli scoli che potessero provvedere ai lavori di bonifica e di miglioramento dei terreni. Tutti i terreni che godevano del beneficio di uno scolo formavano un comprensorio e i proprietari costituirono una società rappresentata da una delegazione, i cui membri erano designati dagli interessati tramite convocazione della Prefettura; ogni delegazione era formata da un presidente, un cassiere e un computista. Il decreto del 20 maggio 1806 stabilì la realizzazione dei consorzi di interessati e il cancelliere del censo, su incarico del prefetto, fece cessare le vecchie rappresentanze. La formazione dei nuovi consorzi stentò a partire a causa delle inadempienze e della complessità del meccanismo ideato per la loro gestione; di fatto entrarono nell'esercizio delle loro funzioni il primo gennaio 1811.


codice interno: 0732 - 001

informazioni redazionali
La descrizione è stata effettuata da Jessica Pagani con il coordinamento di Federica Collorafi (CSR / Voli Group). Le ricerche storiche, i profili storico istituzionali e la storia archivistica sono di Lucia Armentano (Archivio storico comunale di Carpi), 2013

realizzato per
Comune di Carpi, con il contributo finanziario della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi

Intervento redazionale a cura di
IBC - Soprintendenza per i beni librari e documentari della Regione Emilia-Romagna, 2013