IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Istituto per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena
Via Cesare Albicini 25
47121 Forlì (FORLI'-CESENA)

tel: 054328999
fax: 054328999

scrivi
sito web

Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Inventari on line > > Struttura dell'inventario

Archivio del Partito comunista italiano - Federazione provinciale di Forlì 1945 - 1991
  visualizza XML
fondo
buste 249, registri 28

E' qui descritto il fondo della Federazione provinciale del Partito comunista italiano di Forlì con documentazione che va dal 1945 sino al 1991, anno in cui il partito cambia nome in Partito Democratico della Sinistra.
espandi chiudi


Il fondo del Pci di Forlì ha una struttura che rispecchia la struttura gerarchica dell'ente, regolata dalla segreteria romana e che ricalcava in buona parte la struttura nazionale del partito. Il fondo è quindi articolato in serie in cui sono raccolte le carte dei vari organi del partito, dai più importanti, come la segreteria, il comitato federale, il comitato direttivo, sino agli organi gerarchicamente meno importanti ma che curavano ognuno un aspetto politico della federazione, come le commissioni e i gruppi di lavoro. Completano il fondo le serie relative a eventi politici importanti, come le elezioni e le feste dell'Unità, e le serie relative ad organizzazioni legate al partito come la Fgci, l'istituto Gramsci e la cooperativa Carlo Marx.

criteri di ordinamento
L'elenco di consistenza elaborato dalla Archimemo srl nel 2002 ci ha permesso di individuare sinteticamente le principali serie archivistiche che riflettono in pieno la struttura federale del partito a livello locale. Altri inventari di archivi del partito comunista mostrano caratteristiche in tutto simili. Il passo successivo è stato quindi quello di ricomporre la documentazione di ciascuna serie che era rimasta per un decennio nell'ordine rinvenuto dagli archivisti di Archimemo, i quali avevano però numerato ogni fascicolo. Si è così data una descrizione più dettagliata delle serie e delle varie unità archivistiche procedendo anche all'accorpamento di alcuni fascicoli che avevano lo stesso contenuto e gli stessi estremi cronologici.
La documentazione parte dal 1945 ma diventa più corposa a partire dalla seconda metà degli anni cinquanta in quanto è da quel periodo che la struttura organizzativa del partito si fa più complessa. Questa testimonia le attività del partito negli anni del dopoguerra: il carteggio e la documentazione della federazione, i documenti dei congressi e delle assemblee, i verbali della segreteria e degli organismi dirigenti, i materiali di lavoro delle varie commissioni e dei gruppi di lavoro, i materiali elettorali e quelli delle feste de "l'Unità".
Contrariamente a quello che era stato fatto nel precedente lavoro di ricognizione si è deciso di isolare parte della documentazione che inizialmente era rimasta insieme all'archivio del partito comunista in quanto prodotta da altri soggetti produttori, legati comunque strettamente al partito. E' il caso del Partito democratico della sinistra, diretto erede del partito comunista, di cui si conservano le carte dal 1991 al 1996, ma anche delle carte di quattro deputati comunisti forlivesi. Sono stati quindi realizzati altri cinque inventari che danno conto delle attività di questi soggetti produttori.

storia archivistica
L'archivio della Federazione Forlivese del Partito Comunista Italiano contiene i documenti che testimoniano l'attività del partito dal 1945 al 1991. Il fondo è conservato presso l'Istituto Storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Forlì dal 2001. Sono presenti anche numerosi materiali fotografici che non hanno fatto parte di questo intervento di riordino e non son ocompresi in questa descrizione.
Nel periodo luglio - agosto 2002 la società Archimemo srl ha compiuto un lavoro di ricognizione sulla documentazione*. Gli archivisti della Archimemo hanno rilevato che la documentazione era costituita per la maggior parte da fascicoli non condizionati senza un qualsiasi ordine. I fascicoli erano verosimilmente originari ma spesso con indicazioni sommarie. La ricognizione ha permesso di enucleare le singole unità archivistiche e dopo aver delineato la struttura organizzativa del partito riferirle al rispettivo organo produttore. E' stato possibile ricostruire un elenco di serie archivistiche che rispecchiavano gli organi dirigenti, le funzioni e i gruppi di lavoro che operavano nel partito dalla fine della Seconda guerra mondiale al 1991, anno della nascita del Partito Democratico della Sinistra. L'Archimemo ha quindi redatto un elenco di consistenza diviso per serie, formate da unità archivistiche cui era stato dato un numero progressivo e una sintetica descrizione indicante contenuto, estremi cronologici, tipologia e collocazione.
Nell'estate del 2013 si è iniziato un riordino analitico basandosi proprio sull'elenco di consistenza elaborato undici anni prima. Si sono rilevate le stesse lacune rinvenute nel precedente lavoro e cioè l'assenza dei verbali del Comitato federale e della Commissione Federale di Controllo e la frammentarietà del materiale relativo ai congressi della Federazione. E' probabile che, nonostante la corposità della documentazione, una piccola parte dell'archivio sia andata dispersa o in fase di trasloco o durante la sua fase di archivio corrente.

* Archivio del Partito Comunista Italiano. Federazione di Forlì. Elenco di consistenza, a cura di Archimemo s.r.l., 2002

bibliografia
Albertina VittoriaStoria del PCI 1921-1991, Roma, Carocci, 2006
Giorgio GalliStoria del Partito Comunista Italiano, Roma, Pantarei, 2011
Paolo SprianoStoria del Partito Comunista Italiano, Torino, Einaudi, 1978


codice interno: 424 - 001

informazioni redazionali
Inventario a cura di
Matteo Troilo, 2014

realizzato per
Istituto per la storia della Resistenza e dell'età contemporanea della provincia di Forlì-Cesena

Intervento redazionale
IBC - Soprintendenza per i beni librari e documentari della Regione Emilia-Romagna, 2015