IBC

IBC - Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna

IBC - Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Comune di Castelvetro Piacentino
Piazza Emilio Biazzi 1

29010 Castelvetro Piacentino (PIACENZA)

tel: 0523823859
(Biblioteca)
0523257611
(Centralino)
fax: 0523824743

scrivi (Biblioteca comunale)
scrivi (Ufficio segreteria)
sito web

Affidamento funzioni di fruizione a Biblioteca comunale
Tutte le informazioni sul Conservatore

Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: IBC Archivi > Archivi > Comune di Castelvetro Piacentino > Archivio del Consorzio Ronchi di San Giuliano (Castelvetro Piacentino)

Archivio del Consorzio Ronchi di San Giuliano (Castelvetro Piacentino)     1865-1978

espandi chiudi
consistenza
  • 0,7 metri lineari complessivi stimati
  • 81 pezzi (buste, registri, mazzi, etc.) 
descrizione
  • La Società dei Ronchi di San Giuliano fu costituita come società privata il 5 novembre 1868 per opera di un gruppo di proprietari di "fondi alluvionali" sorgenti presso il fiume Po nella località di San Giuliano, a partire dall'argine di rigurgito del Cavo Morta nel luogo detto Le Torri. Guidati dal marchese Alfonso Casali, questi erano interessati a promuovere lavori di innalzamento e di miglioria delle arginature atte a proteggere i loro beni fondiari. Fin dall'8 maggio 1890 la Società deliberò di promuovere la propria trasformazione da "semplice riunione di persone" a consorzio; tale trasformazione fu deliberata come effettiva dall'assemblea dei soci del 10 marzo 1892 - che mutò anche la denominazione dell'ente in "Consorzio arginale dei Ronchi di San Giuliano" - e approvata dal Consiglio comunale di Castelvetro Piacentino con sua delibera del 28 aprile seguente. Classificato l'argine sociale come opera idraulica di IIa categoria con Regio Decreto del 21 ottobre 1930, l'assemblea dei soci il 2 dicembre 1930, constatando che con tale passaggio il Consorzio non avrebbe più avuto ragione di esistere, ne decise comunque il mantenimento ai fini della sistemazione e del mantenimento degli scoli, mutandone di nuovo la denominazione in "Consorzio Ronchi di San Giuliano". Questa del consorzio di manutenzione degli scoli è stata l'ultima configurazione assunta dall'ente, mentre nello stesso ambito territoriale, a partire dal 1937, è divenuto attivo il "Consorzio di miglioramento fondiario Ronchi Soarza e San Giuliano", avente anche finalità di difesa arginale. Riconosciuto ancora il 20 marzo 1974 dall'Ufficio del Genio Civile di Piacenza come "Consorzio di manutenzione, di miglioramento fondiario e di difesa idraulica non classificato", l'ente deve aver visto la sua l'attività divenire via via residuale fino ad esaurirsi senza un effettivo atto normativo, ed è comunque documentata almeno fino al 15 dicembre 1977, data della approvazione del conto consuntivo dell'esercizio 1976 da parte dell'assemblea consorziale.
    Il complesso (05 novembre 1868 - 15 dicembre 1977 con antecedenti dal 3 dicembre 1865 e susseguenti fino al 9 gennaio 1978, registri 20, fascicoli 61) comprende la documentazione prodotta dall'ente nel corso del tempo per il perseguimento delle sue finalità preminenti, e quindi sostanzialmente dei consueti nuclei documentari delle serie deliberative, della corrispondenza d'ufficio organizzata per fascicoli di singole pratiche d'affari e contenente anche gli elaborati tecnici fondamentali per l'esercizio delle finalità di difesa arginale, delle serie di contabilità generale e particolare, quest'ultima per il calcolo e la riscossione dei contributi all'attività consorziale dovuti dai proprietari di beni fondiari interessati dalle opere di difesa idraulica realizzate dal Consorzio.
conservato presso: Comune di Castelvetro Piacentino    da: data non nota

strumenti di ricerca

espandi chiudi

dati aggiornati al 31/12/2013

espandi chiudi
aggiornamento a cura di
  • Comune di Castelvetro Piacentino
verifica a cura di
  • Servizio Marketing, Turismo, Sport e Cultura della Provincia di Piacenza
validazione a cura di
  • IBC-Soprintendenza per i beni librari e documentari della Regione Emilia-Romagna