Archivi ER

Archivi ER - Sistema informativo partecipato degli archivi storici in Emilia-Romagna

Gli archivi in Emilia-Romagna


Conservatore

Biblioteca delle Arti - Sezione di Musica e Spettacolo. Dipartimento delle Arti, Alma Mater Studiorum Università di Bologna
Via Barberia 4

40123 Bologna (Bologna)

tel: 0512092061

scrivi (Biblioteca sezione MuSpe)
scrivi (Curatrice Archivio De Berardinis)
sito web

responsabile: Maria Grazia Cupini scrivi


Accedi a CAStER

 
Ti trovi in: Archivi ER > Conservatori > Biblioteca delle Arti - Sezione di Musica e Spettacolo. Dipartimento delle Arti, Alma Mater Studiorum Università di Bologna
scheda conservatori 1 di 0

Biblioteca delle Arti - Sezione di Musica e Spettacolo. Dipartimento delle Arti, Alma Mater Studiorum Università di Bologna

descrizione

espandi chiudi
nota storica
  • Il Dipartimento delle Arti (DAR) è sorto nel 2012 dall'aggregazione del Dipartimento di Arti visive e del Dipartimento di Musica e Spettacolo. Vi opera la maggior parte dei docenti dell'Università di Bologna incardinati nei settori scientifico-disciplinari relativi alle arti, ma vi afferiscono anche numerosi docenti di discipline limitrofe, in un progetto scientifico-didattico di ampio respiro. Questa ampiezza di approcci assicura un pieno sviluppo scientifico e didattico nell'ambito artistico, che ha trovato un adeguato riconoscimento nell'università italiana proprio a partire dall'impulso proveniente dall'Ateneo di Bologna, quasi cinquant'anni fa, con l'apertura del DAMS nel 1970/71.
    Al DAR fa riferimento la Biblioteca delle Arti, che annovera la Sezione Musica e Spettacolo, biblioteca di studio e ricerca specializzata nelle discipline della musica, del teatro, della danza, del cinema e degli altri media dedicati allo spettacolo. Tra le dotazioni principali ci sono la letteratura scientifica, monografica e periodica, con copertura internazionale, gli strumenti di consultazione, i testi, teatrali, letterari e musicali, teorici e pratici, in edizioni critiche o facsimilari o in riproduzioni microfilmate e digitali.
    La biblioteca dispone inoltre di una videoteca e di una discoteca dedicata alla musica d'arte, alla musica folklorica, alle musiche extraeuropee, al jazz e generi correlati.
    Negli ultimi anni, grazie a numerose donazioni provenienti da lasciti di artisti o enti dello spettacolo, oppure da specifiche attività di ricerca, si sono aggiunti fonti e archivi speciali che offrono agli studiosi accesso a fonti primarie di informazione, in molti casi esclusive, sulla vita musicale e teatrale del Novecento.
    Tra le collezioni speciali possedute dalla Biblioteca si possono menzionare:
    'Centro studi su Bruno Maderna e la musica contemporanea in Italia': sorto nel 1983, ad opera di Mario Baroni e Rossana Dalmonte conserva, in originale o in copia, partiture manoscritte, appunti, abbozzi, lettere, dischi e nastri, rari materiali video nonché musiche di autori contemporanei. Promuove l'edizione critica dell'opera di Bruno Maderna).
    'Fondo René Leibowitz': oltre 900 edizioni e manoscritti musicali provenienti della biblioteca personale di René Leibowitz (1913-1972) e acquistate dall'Università di Bologna nel 1974. Offre testimonianze uniche sulla poliedrica attività di Leibowitz e su una fase cruciale della musica del Novecento.
    'Fondo e archivio Andrea Centazzo': raccoglie la donazione fatta alla biblioteca dal musicista Andrea Centazzo (1948) a partire dal 2009. Comprende partiture (in massima parte autografe), registrazioni, scritti, rassegne stampa, locandine relativi alla produzione artistica di Centazzo nonché una raccolta di testi, musiche e metodi sulle percussioni.
    'Archivio del canto': nato nel 2009 da un'idea di Marco Beghelli, raccoglie documenti sul canto lirico e i cantanti: pubblicazioni rare sulla storia della vocalità, trattati di canto, monografie su interpreti, cronologie di teatri, discografie, fotografie, contratti, recensioni, locandine, lettere, registrazioni audio e video.
    'Archivio Kazuo Ohno': copia dell'archivio personale di Kazuo Ohno (1906-2010), mirabile esponente della danza butoh giapponese, donata al Dipartimento di Musica e Spettacolo nel 2001
    'Archivio Leo De Bernardinis': affidato in comodato al Dipartimento di Musica e Spettacolo nel luglio 2008 l'archivio offre una documentazione unica e ricchissima dell'attività del grande regista, attore e autore teatrale italiano (1940-2008).
    'Fondo Vittoria Ottolenghi': nel 2012 Vittoria Ottolenghi ha espresso la volontà di donare al Dipartimento delle Arti dell'Università di Bologna una variegata raccolta di documenti che è testimonianza del suo vivace percorso professionale, nonché utile risorsa di future ricerche.

archivi

espandi chiudi

condizioni di accesso

espandi chiudi
Data l’esigenza di un costante adeguamento alla normativa vigente in materia di prevenzione e contrasto all’epidemia COVID-19, si invitano gli utenti a rivolgersi direttamente al Conservatore ai recapiti indicati, per verificare puntualmente le condizioni di accesso, le modalità di consultazione e i servizi erogati.

dati aggiornati al 31/12/2020